Il credito alle imprese non riparte, ma peggiora: -4,4% ad aprile

Ad aprile, i prestiti alle imprese subiscono un calo peggiore di quello di marzo. Le sofferenze bancarie crescono meno del mese precedente, ma si attestano sempre al top.

di , pubblicato il

Non si avverte quella luce in fondo al tunnel di cui si parla da mesi in Italia, a proposito di fine della crisi, ma sempre smentita dai dati. Questa mattina, la Banca d’Italia ha pubblicato i numeri sui prestiti delle banche alle imprese non finanziarie e alle famiglie nel mese di aprile. Se il monte-prestiti è risultato in calo del 3,1% su base annua, in lieve decelerazione dal -3,3% registrato a marzo, le imprese vedono accelerare la contrazione: -4,4% sul mese di aprile del 2013, peggio del -4,3% tendenziale del mese precedente. E i prestiti alle famiglie sono scesi dell’1% su base annua dal -1,1% di marzo, registrando cosi solo un lievissimo miglioramento, pur restando le cifre negative. E sempre in aprile è rallentata la crescita dei depositi bancari, cresciuti dell’1,4%, in calo dal +1,6% di marzo. La raccolta obbligazionaria, incluse le obbligazioni detenute dalle banche, è diminuita nei dodici mesi del 9,6% dal -10,6% del mese precedente. Quanto alle sofferenze bancarie, si avverte un aumento su base annua del 22,3% dal +23% di marzo. Dinnanzi alle cifre sopra citate, poco importa se i tassi registrano lievi variazioni al ribasso, ad esclusione di quelli applicati sui prestiti fino a un milione e in favore delle società non finanziarie. Con il “credit crunch” in corso e lontano dalla fine, è difficile interpretare questi dati con ottimismo. I mutui di nuova erogazione vedono scendere i tassi al 3,63% medio dal 3,70% del mese precedente, mentre quelli sulle nuove erogazioni di credito al consumo scendono al 9,37% dal 9,53% di marzo. Come detto, invece, salgono di un pò al 4,28% dal 4,20% i tassi sui prestiti alle imprese non finanziarie e per importi fino al milione di euro. In deciso calo sui prestiti sopra il milione al 4,66% dal 4,89% di marzo. Infine, scende anche il tasso medio praticato dalle banche sui depositi, che in aprile è pari allo 0,89% dallo 0,94%.   APPROFONDISCI – Bankitalia: credit crunch continua a marzo, sofferenze bancarie a 164 mld

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,