Il caso dei seggiolini auto pericolosi ritirati: bufera su Amazon

Seggiolini potenzialmente letali venduti ad un prezzo basso e poi ritirati. Bufera per Amazon.

di , pubblicato il
Seggiolini potenzialmente letali venduti ad un prezzo basso e poi ritirati. Bufera per Amazon.

Pioggia di critiche contro Amazon, dopo il ritiro dell’azienda di Jeff Bezos dal proprio portale di alcuni seggiolini auto potenzialmente letali venduti da negozi di terze parti. A essere investita dal caso è stata la divisione inglese della società di Jeff Bezos, ma questo non significa che il fatto riguardi esclusivamente il mercato del Regno Unito. Infatti, anche gli utenti italiani possono tranquillamente acquistare gli articoli in vendita su Amazon UK, utilizzando peraltro lo stesso account con cui sono soliti accedere al sito di e-commerce in italiano.

Non è la prima volta che succede

Oltre il danno, la beffa. Amazon aveva già affrontato lo stesso caso nel 2014, quando erano stati trovati seggiolini auto identici a quelli protagonisti oggi della nuova truffa ai danni degli utenti. Sei anni fa, il portale di Jeff Bezos si attivò subito per eliminare il problema, scusandosi con i propri clienti per l’accaduto. Nessuno immaginava però che sarebbe successo di nuovo. A denunciare la vicenda è stato il programma BBC Panorama, autore della prima inchiesta, quando dimostrò che qualora fosse occorso un incidente a una velocità modesta (48 km/h) i seggiolini incriminati si sarebbero spezzati (con tutte le conseguenze del caso).

Seggiolini da 5 euro

Su Amazon UK, i seggiolini auto potenzialmente letali sono stati venduti a un prezzo ridicolo, inferiore alle 4 sterline (circa 5 euro). Considerando il costo esiguo, è facile intuire il motivo che ha spinto diversi utenti ad acquistare questi dispositivi, inconsapevoli dei gravi problemi di sicurezza a cui esponevano i propri figli più piccoli. Nel frattempo, altri seggiolini uguali sono stati trovati in vendita anche su eBay e Aliexpress, due dei principali concorrenti di Amazon.

Rimborso

Nel rimuovere i seggiolini auto pericolosi presenti nelle sue pagine, Amazon sta anche contattando gli utenti che in precedenza hanno acquistato i prodotti oggetto del ritiro, informandoli sull’accaduto e riconoscendo loro un rimborso.

È quanto si apprende dal comunicato ufficiale del sito di e-commerce statunitense. Vedremo come procederanno i rimborsi e se ci saranno sviluppi in merito.

Leggi anche: Amazon paga a rate: ora si può comprare a tasso 0, come funziona

Per rettifiche, domande, informazioni o comunicati stampa scrivete a [email protected]

Argomenti: ,