Ikea e il nuovo programma Buy Back: quali prodotti si possono restituire?

Quali prodotti si possono restituire con il programma di Ikea che favorisce l'economia circolare?

di , pubblicato il
Ikea Buy Back

Ikea ha lanciato il nuovo piano Buy Back che prevede un voucher fino alla metà del prezzo originale del prodotto per chi consegna i mobili usati del colosso svedese. Ikea, nell’ottica di puntare sempre di più alla sostenibilità e al business dell’economia circolare, ha pensato di riprendere indietro i mobili usati, una scelta sostenibile e attenta all’ambiente. 

Il funzionamento del programma Buy Back di Ikea per il Black Friday

Il programma Buy Back di Ikea sarà lanciato durante il prossimo Black Friday in Italia, e darà la possibilità ai clienti di ottenere un voucher dal 30 al 50% restituendo i vecchi mobili che saranno poi rivenduti da Ikea nella sezione AS-IS, mentre se non saranno nelle condizioni di essere rivenduti saranno riciclati o donati a progetti per le comunità locali. In Italia, la campagna di Ikea sarà lanciata dal 27 novembre e fino al 6 dicembre in tutti gli store nazionali. Una volta consegnato il mobile, questo sarà valutato e in base alle condizioni sarà consegnato il buono che potrà essere speso entro 2 anni. 

Vedi anche: La rivoluzione di Ikea nonostante il coronavirus: più negozi fisici in centro città

Quali prodotti saranno accettati?

Ma quali sono i prodotti idonei che potranno essere riconsegnati ad Ikea? Tra questi figurano scaffali, sedie, tavoli, librerie, scrivanie, tavolini, panche e sgabelli, armadi non componibili, comodini, cassettiere, carrelli e buffet, mobili da esterni, strutture letti per bambini e culle. Non tutti i prodotti saranno accettati, mentre il valore del buono sarà di minimo il 30% se le condizioni non saranno del tutto ottimali, del 40% se in buone condizioni e del 50% se in ottime condizioni. 

Grazie allo smart working e una nuova visione dell’ambiente domestico, l’idea di Ikea potrebbe davvero avere un ottimo effetto per chi ha la necessità di rivedere gli spazi  e magari rinnovare lo studio o l’ambiente di casa in generale.

Entro il 2030 il colosso svedese ha intenzione di puntare alla sostenibilità e all’economia circolare favorendo sempre di più questo tipo di iniziative: 

Vedi anche: Ikea ti paga e ricompra i tuoi mobili usati: come funziona il programma Buy Back

[email protected]

Argomenti: ,