I ‘segreti’ dei negozi di quartiere per non soccombere allo shopping online

Proporre un'esperienza e non solo un servizio: la rivincita dei negozi di quartiere.

di , pubblicato il
Proporre un'esperienza e non solo un servizio: la rivincita dei negozi di quartiere.

I negozi di quartiere potrebbero tornare a brillare nonostante il boom dei grossi centri commerciali, degli e-commerce e degli outlet che negli ultimi anni hanno letteralmente preso il sopravvento. 

La ‘guerra’ contro gdo, outlet, centri commerciali e negozi online

La crisi dei negozi al dettaglio si è fatta sentire molto bene considerando quanti hanno dovuto chiudere i battenti in pochi anni nell’incapacità di far fronte alla concorrenza.

Nel 2019 solo 5.000 attività hanno dovuto chiudere, in particolare nei centri storici, dove sono aumentati di molto i negozi che non ce l’hanno fatta a sopravvivere. Da un lato, infatti, i negozi di quartiere se la sono dovuta vedere con i discount, outlet di abbigliamento, centri commerciali e negozi online, quelli che hanno subito maggiormente una crescita negli ultimi anni nonostante la crisi economica che dal 2008 ha letteralmente ridotto il potere di acquisto.

Puntare alla specializzazione

Alcuni negozi, però, ce l’hanno fatta puntando alla specializzazione ossia offrendo prodotti ad hoc. Il segreto, per questi negozi, è quello di sopravvivere alla grande distribuzione parlando di settore alimentare. Ad esempio, molti hanno puntato alla vendita di prodotti senza glutine, altri alla vendita di latticini e salumi del territorio mentre per altri settori come la cosmesi il segreto è stato puntare a prodotti di nicchia di alta qualità che non si trovano nelle catene note. La stessa mossa che più o meno riguarda i negozi di abbigliamento, che per far fronte alla concorrenza delle catene fast fashion o dei negozi monomarca puntano a prodotti inediti e quindi dal differenziarsi. L’esempio degli alimentari, negozi di abbigliamento e cosmesi sono solo alcuni. Ci sono anche librerie, ad esempio che hanno al loro interno hanno integrato uno spazio bar o altri negozi che propongono corsi fai da te. Come scrive il Corriere, che ha affrontato il tema di recente, il segreto di questi negozi è quello di proporre un’esperienza e non solo un servizio. Tutto poi sta alla capacità del titolare di aiutare il cliente nella scelta mostrandosi competente.

Leggi anche: La crisi del commercio e dei negozi ‘sotto casa’: sempre più quelli che chiudono

Per rettifiche, domande, informazioni o comunicati stampa scrivete a [email protected]

Argomenti: ,