I numeri del terrore di Londra: ora è boom anche di morti e ricoveri per Covid, richiusure vicine

I dati del Regno Unito ora fanno propendere verso il pessimismo sulla possibilità di evitare nuove chiusure: impennata di morti e ricoveri.

di , pubblicato il
Rischio di nuove chiusure sempre più concreto

Il “Freedom Day” a Londra è stato celebrato solamente all’inizio di questa settimana. La fine delle restrizioni anti-Covid avrebbe dovuto spianare la strada al ritorno della normalità nel Regno Unito, ma il clima che si respira sull’isola è del tutto diverso. E non parliamo di una nazione affranta per la sconfitta in finale contro l’Italia agli europei di calcio. E’ il rischio di nuove chiusure ad aleggiare paradossalmente negli stessi giorni in cui si è riaperto tutto.

Sappiamo da settimane che, complici gli assembramenti per le partite di calcio di Euro 2020 disputate allo Stadio Wembley, il numero dei contagi sia riesploso, salendo in direzione 50.000 casi al giorno. Mai così alto da gennaio, il periodo più cupo della pandemia per i britannici. Tuttavia, finora si è guardato con fiducia al fatto che neppure il boom dei contagi trainato dalla variante Delta avesse fatto invertire la curva dei decessi e dei ricoveri in ospedali. Purtroppo, la situazione sta mutando drasticamente. Nella giornata di martedì, i morti erano saliti a 49, quadruplicando rispetto al ritmo giornaliero di fine giugno.

Nuove chiusure rischio davvero concreto

Situazione del tutto analoga per i ricoveri, più che raddoppiati dai 1.600 di fine giugno agli oltre 3.600 di questi giorni. E in terapia intensiva i pazienti sono quadruplicati da fine maggio e raddoppiati nelle ultime tre settimane, salendo sopra 510. Questi numeri non riguardano solamente il Regno Unito. Londra è stata avanti nelle vaccinazioni contro il Covid, impostando la sua strategia sul siero anglo-svedese AstraZeneca e su una campagna di somministrazione a tappeto delle prime dosi. Il crollo di contagi, morti e ricoveri era stato visto nel resto d’Europa coma la conferma che la vaccinazione di massa avrebbe impedito nuove chiusure.

Adesso, sappiamo che potrebbe non essere così. I contagi stanno risalendo ovunque, spesso in misura drastica, al primo allentamento delle restrizioni. Uno scenario temuto per fine estate e che, invece, si è materializzato già a inizio luglio, costringendo diversi governi a reintrodurre alcune restrizioni. Certo, la curva di morti e ricoveri continua a scendere nel Vecchio Continente, ma se Londra fosse avanti anche in questo trend? Ecco che la discussione sul green pass di questi giorni, tesa ad allontanare proprio lo scenario più sgradito delle chiusure, potrebbe già essere superata dai fatti. Da Parigi ad Atene, da Lisbona a Berlino, questione di settimane al massimo e torneremo a nuove chiusure.

[email protected] 

Argomenti: , , ,