I marchi più amati dagli italiani 2018: ecco chi premia l’indagine Best Brands e perché

La classifica sui migliori marchi premia Ferrari ma non solo. Che cosa fa leva nella scelta dei consumatori?

di Chiara Lanari, pubblicato il
La classifica sui migliori marchi premia Ferrari ma non solo. Che cosa fa leva nella scelta dei consumatori?

Ci sono alcuni marchi amati dagli italiani in maniera incondizionata. L’indagine di quest’anno sui brand migliori, presentati durante l’evento “Best Brands”, nata dalla collaborazione tra Gfk e Serviceplan premia Ferrari che supera Ferrero dal podio assoluto. La lista però è molto più lunga e riserva persino alcune sorprese.

Le migliori aziende Best Corporate Brand

Un tempo neppure lontano era Ferrero la marca del cuore degli italiani. Parliamo della stessa Ferrero che sta puntando al mercato americano e che aveva regalato dei bonus ai dipendenti. Quest’anno, però, è Ferrari ad avere la medaglia assoluta. La ricerca si basa sui dati economici dei brand, tenendo conto anche del fattore emotivo che ogni singolo marchio determina nei consumatori nonché sul potere commerciale. In tal senso il brand Galbusera è primo tra le aziende cosiddette dinamiche, Lego tra i brand di prodotto. Il ranking, infatti, è basato su varie tipologie come, ad esempio, Best Growth Brand ossia i brand cresciuti maggiormente, le marche di prodotto e le marche azienda.

Ferrero è sempre stata prima dal 2015 ma per l’edizione 2018 è Ferrari ad avere la meglio anche se il colosso di Cuneo si mantiene al secondo posto. Sul podio anche Brembo, che conferma con il terzo posto il primato del settore automotive da parte degli italiani. Quarto posto per Barilla, a seguire L’Oreal e poi ancora il settore delle auto con Bmw. Nella classifica generale, settimo posto per Procter and Gramble mentre chiudono le prime dieci posizioni Pirelli, Unilever e MSC. Il settore in oggetto ha tenuto conto anche di alcuni parametri quali quota di mercato, quotazioni in borsa e persino investimenti pubblicitari.

Best Product Brand

Diverso il discorso per la categoria Best Product Brand, ossia i brand di prodotto in cui domina Lego seguita da Samsung e poi il via libera a marchi prettamente legati al settore food o alimentari quali Coca Cola, terza, Rio Mare, Nutella che chiudono quarte e quinte, Dash, Mulino Bianco, che conquista il settimo posto fino a Kinder, Findus e Nike. Non è un caso che in questa classifica siano i marchi prettamente legati al food ad emergere. Si è tenuto in considerazione, tra i parametri, la fedeltà d’acquisto e il posizionamento del prezzo.

Best Growth Brand

Interessante anche la classifica legata al Best Growth Brand ossia i marchi che hanno visto una maggiore crescita anche dal punto di vista commerciale. In tal senso quelle che hanno fatto più presa sono Galbusera e Nescafé mentre Dolce&Gabbana conquista il terzo posto. Altri marchi che fanno parte di questo ranking basato sulla crescita delle aziende sono Garofalo, la nota azienda alimentare Rana, il colosso tecnologico Huawei e poi ancora Fairy, il brand di moda Calzedonia, Oro Saiwa, marchio dei celebri biscotti e Alce Nero. Anche in questo caso notiamo una presenza interessante di aziende legate al settore food.

I marchi golden ages

Lo studio chiude con le marche amate dagli over 60 dunque il focus è sui brand detti golden ages. Viene da sé che in quest’ottica spiccano brand di un certo tipo vuoi perché gli over 60 hanno più disponibilità economica, vuoi perché hanno esigenze sicuramente diverse.  A vincere in questa sezione è Findus, seguita da Rio Mare e Svelto che conquistano il podio. Fino alla posizione numero 10 troviamo Lavazza, Nutella, Scottex, Dash, Fiat, Tempo e Mulino Bianco, che fa anche già parte della classifica precedente.

Leggi anche: La classifica dei brand più ricchi al mondo: i marchi che valgono di più, Apple e Amazon in pole

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Europa, Economia Italia, Social media e internet