I manager più pagati in Italia nel 2017: banchieri superati da industriali

Interessante classifica sui manager più pagati nel 2017, il primo posto è di Marchionne.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Interessante classifica sui manager più pagati nel 2017, il primo posto è di Marchionne.

I manager industriali sono più pagati dei banchieri. A stilare una lista dei più ricchi è il Sole 24 Ore facendo riferimento all’anno 2017. Risulta che è Sergio Marchionne, l’ex amministratore delegato di Fca-Fiat Chrysler morto nel luglio scorso, il più pagato in assoluto, considerando le società italiane più quotate in borsa. La lista, in generale, tiene conto di stipendio, bonus, buonuscite, somme erogate una tantum, plusvalenze  generate dall’esercizio di stock option e si parla di cifre lorde.

I manager più pagati in Italia nel 2017

Dalla classifica emerge che i banchieri hanno perso alcune posizioni mentre sembrano procedere meglio gli industriali che operano nel settore lusso o servizi. Tra i manager più pagati figura dunque Marchionne con 46,3 milioni di euro lordi che includono non solo lo stipendio ma anche i bonus e azioni varie, sempre in riferimento all’anno 2017. Al secondo posto figura Flavio Cattaneo, ex ad di Telecom Italia, che guadagna il podio con 25,96 milioni di euro molti dei quali includono la buonuscita. Il terzo posto è occupato dal presidente della Moncler, Remo Ruffini; si parla di 14,71 milioni di euro, come scrive il Sole 24 Ore “legati alle plusvalenze per l’esercizio di stock option”.

Lusso, finanza e banche

Sempre considerando l’anno 2017 tra i manager più pagati risultano Patrizio Bertelli e Miuccia Prada Bianchi del gruppo Prada Spa (12,65 milioni). In lizza figura anche Marco Carreri di Anima, manager della finanza che, secondo la classifica de Il Sole 24 Ore, è a quota 11,1 milioni mentre Carlo Messina, ad di Intesa Sanpaolo si trova a quota 4,43 milioni in confronto a Jean Pierre Mustier, ad di UniCredit, che avrebbe percepito 1,21 milioni di euro.

Nella top 10 troviamo anche Andrea Recordati, ad e dg di Recordati, Marco Sala ad di Lottomatica, Mauro Moretti, ad e dg di Leonardo fino al 16 maggio 2017 (in questo caso soltanto la buonuscita è stata di 9,44 milioni), e Luca Bettone ad di Erg. Tra i nomi noti anche Matteo del Fante, ad di Poste ed ex Terna con 6,06 milioni, Francesco Starace dell’Enel con 4,47 milioni, Francesco Caio, ex ad di Poste 2,55 milioni. E ancora Pier Silvio Berlusconi avrebbe percepito 1,7 milioni, Urbano Cairo ( 2,83 milioni),  Leonardo Del Vecchio di Luxottica 1,1 milioni.

Quanto guadagnano i banchieri secondo una ricerca di First Cisl

Una recente ricerca di First Cisl sui guadagni dei banchieri, invece, aveva incoronato Carlo Messina di Intesa Sanpaolo il più pagato (5,5 milioni di euro tra stipendio e partecipazione azionaria), subito dopo Jean Pierre Mustier, a.d. di UniCredit: 2,3 milioni di euro, e Giuseppe Castagna, a.d. di Banco BPM con 1,5 milioni di euro. Lo studio aveva fatto notare come nonostante la crisi del settore bancario, gli stipendi dei top manager fossero sempre altissimi; facendo un raffronto un dipendente dovrebbe lavorare 3 vite per guadagnare tanto.

Seppur con grandi differenze di settore e guadagni, un raffronto simile era stato fatto parlando di Jeff Bezos, ceo di Amazon e dei suoi introiti stellari che messi a confronto con quelli dei suoi dipendenti aveva aperto non poche polemiche su chi detiene la ricchezza mondiale.

Leggi anche: Uomini e donne più ricchi del mondo: quanto guadagnano ogni ora i paperoni

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Banche italiane, Economia Italia