I Greci sono Irrazionali?

Dal Blog The Irish Economy, Kevin O'Rourke critica il pensiero corrente sulle scelte apparentemente assurde degli elettori Greci, che vorrebbero rimanere nell'euro...senza pagare il conto.

Carmen Gallus, curatrice Dall'Estero

di Kevin O’Rourke – Lorenzo Bini Smaghi è affezionato alla parola “irrazionale”. Appare più volte in questo articolo di  ieri sul Financial Times. In particolare, sembra che LBS pensi che gli elettori Greci siano irrazionali. Dato che la Grecia ha dato i natali non solo alla democrazia, ma anche a Euclide e a tutti gli altri, sembra opportuno analizzare  la questione se gli elettori Greci siano veramente irrazionali.

Una prova della loro irrazionalità, che a volte è portata avanti, è che, mentre essi hanno perlopiù respinto le attuali misure di austerità in un’ elezione democratica, i sondaggi mostrano anche che vorrebbero restare nell’euro.

 

Che cosa c’ è di irrazionale in questo?

 

Credo che la migliore soluzione per i Greci sia che  la Grecia  rimanga nell’euro, ma che il programma in corso, basato sull’austerità multilaterale e la svalutazione interna, che ha fallito e non  ha davvero alcuna possibilità di successo, sia sostituito con un programma che comporti una maggiore remissione del debito e più trasferimenti fiscali dal centro. Che cosa c’è di irrazionale,  dal punto di vista Greco, nel  volere questo? Cosa che probabilmente non   accadrà, e ovviamente questo è  un fatto importante, ma non vi è nulla di irrazionale nel volere ciò che è meglio per sè.

 

Poi c’è la questione se sia irrazionale votare per Syriza. Supponiamo che, se Syriza forma un governo con dei  partiti affini, e si rifiuta di attuare il programma di austerità in corso, la Grecia sarà in qualche modo espulsa dalla zona euro. Sapendo che questo è un risultato probabile, è irrazionale per i Greci  votare per Syriza?

Io non ne  sono così sicuro.

Se voteranno per i due partiti che hanno portato la Grecia a questa triste situazione – e perché mai dovrebbero? – allora quale sarà il probabile risultato? Il programma proseguirà, e quello che la Grecia ha vissuto negli ultimi anni andrà avanti ancora nei prossimi anni. Questo non lascerebbe ai Greci nessuna  speranza; nessuna prospettiva di cambiamento nel prossimo futuro per  migliorare la loro vita. E alla fine la strategia probabilmente fallirà, comunque.

 

Se voteranno per Syriza, forse la Grecia lascerà l’eurozona. In tal caso, che succede? C’è la certezza di una grave crisi economica nel breve periodo, ma poi? Alcuni commentatori sostengono che il risultato sarà l’iperinflazione. Dato che il deficit primario Greco è molto piccolo, rimango  perplesso davanti alla certezza con cui viene fatta questa previsione. Suppongo che ci sia una certa probabilità di un risultato simile, ma la probabilità è sicuramente molto meno del 100%. D’altra parte, c’è anche la possibilità che default e svalutazione portino ad una ripresa in due o tre anni. Ancora, la probabilità che questo  scenario si verifichi è minore del 100%, ma è sicuramente maggiore di zero.

 

E poi c’è la possibilità che gli Europei abbiano un’illuminazione, e che i Greci   ottengano qualcosa di simile alla loro soluzione preferita. Penso che questa probabilità sia infinitamente piccola, ma forse mi sbaglio.

Quindi, gli elettori Greci possono fare quello che le élites Europee li stanno spingendo a fare, e votare per i due partiti dell’establishment. In questo caso, sanno con certezza che non andrà meglio, e anzi che le cose continueranno a peggiorare. Oppure, possono lanciare i dadi. Non credo che lanciare i dadi sia irrazionale per loro. E per fortuna, sembra che stiano puntando su Syriza, non sulla Golden Dawn.

 

Naturalmente, con una certa probabilità, che può essere inferiore al 100%, ma è certamente molto maggiore di  zero, un’uscita Greca dall’eurozona porterà al caos finanziario negli altri paesi, e forse anche al crollo della moneta unica. Ma questo sarà principalmente il nostro problema, non è un problema degli elettori Greci.

Così,  non  sono convinto dall’argomento che gli elettori Greci siano irrazionali, anche se si considera solo l’aspetto economico della situazione in cui si trovano.  A maggior ragione se si considerano i fattori non economici. Ovunque in Europa si sente la gente comune che dice  di sentirsi impotente, che il voto non cambia nulla, che si sentono privati ??dei diritti. In Grecia, gli elettori potrebbero essere in procinto di cambiare veramente le cose, recuperare un certo controllo su un ordine del giorno che fino ad ora è stato dettato da gente come Lorenzo Bini Smaghi.  Credo che molti elettori ne trarranno vantaggio.

 

Sapendo tutto questo, i leaders degli altri paesi Europei dovrebbero sicuramente cercare di offrire qualcosa agli elettori Greci che lo status quo esclude: la speranza. Invece, stanno solo lanciando degli  avvertimenti sulle terribili conseguenze, e delle dichiarazioni su come  il resto dei paesi può essere  in grado di gestire un’uscita Greca. C’è bisogno di chiedere chi è che è veramente  irrazionale,  qui?

 

 

Articolo originale: Irrational Greeks?

  1. Gianpiero Asara Cottu 18 maggio 2012

    L’iperinflazione è inquietante.

  2. Carmen Gallus, curatrice sezione Estero 19 maggio 2012

    Sì, lo è moltissimo. Però non ci sono dati che dimostrino che ad una svalutazione del cambio corrisponda per forza inflazione. Invece purtroppo i dati negativi sui risultati negativi dei vari programmi sono certi.

Comments are closed.

Commenta la notizia



SULLO STESSO TEMA

Send this to friend