I 10 lavori più richiesti online per i giovani secondo InfoJobs

I lavori più cercati online e quelli per cui le aziende faticano a trovare personale.

di , pubblicato il
I lavori più cercati online e quelli per cui le aziende faticano a trovare personale.

Torniamo a parlare del mercato del lavoro, un tema che appare sempre molto caldo anche alla luce degli ultimi dati Istat che segnalano un tasso di disoccupazione in crescita a febbraio (Ultimi dati Istat: sempre meno lavoro stabile, aumenta tasso disoccupazione). Nonostante i dati negativi tra le offerte di lavoro che si trovano online molte sono rivolte proprio ai giovani, la categoria che più sembra soffrire sul mercato.

I lavori più richiesti

A fare una panoramica dei lavori più richiesti online è InfoJobs, portale specializzato nel recruiting online, che ha elaborato le varie proposte in rete arrivando ad una classifica delle professioni più gettonate. Tra questi Commessi, agenti di vendita, magazzinieri ma anche contabili, disegnatori industriali e sviluppatori di software. Si tratta soprattutto di lavori che richiedono una specializzazione media; per alcuni come la categoria commessi e impiegati, le aziende non faticano troppo a trovare candidati mentre per altre figure le aziende fanno fatica molto di più a trovare il candidato ideale. Ad esempio, tra le figure con più difficoltà di reperimento ci sono gli esperti di software. Le imprese faticano non di rado a reperire candidati in linea con quanto richiesto.

Nella top 10 dei lavori più richiesti ci sono commessi di vendita, agenti commerciali e magazzinieri ai primi tre posti, seguiti da impiegati, conduttori di impianti di macchinari fissi, addetti alla gestione degli stock, contabili, disegnatori industriali, operai e sviluppatori software.

I consigli per cercare lavoro

Come riporta Il Sole 24 Ore, Infojobs ha realizzato un vademecum con alcune regole d’oro rivolte ai ragazzi che cercano lavoro. Molta importanza viene data alla stesura del cv che “va preparato pensando al target che dovrà leggerlo. Bisogna prendersi del tempo per fare versioni diverse, che valorizzino alcune competenze ed esperienze piuttosto che altre, rispondendo alle richieste specifiche dell’offerta per cui ci si vuole candidare”.

Tra i consigli d’oro, l’inserimento di tutte le esperienze rilevanti, utilizzare una email professionale, non dimenticare foto e dati personali importanti, segnalare sempre la disponibilità o meno a trasferimenti o viaggi, segnalare sempre i corsi di formazione seguiti, certificati, conoscenza delle lingue e da non dimenticare la lettera di presentazione che deve essere mirata.

Leggi anche: Lavoro e aziende: aumenta gap tra domanda e offerta, 1 lavoratore su 4 difficile da trovare

Argomenti: , ,