Helicopter money inefficace in Europa: uno studio svela perché

Helicopter money davvero un'opzione credibile per le banche centrali? Secondo uno studio, no. Il denaro gratis non piace agli europei, che non lo spenderebbero.

di , pubblicato il
Helicopter money davvero un'opzione credibile per le banche centrali? Secondo uno studio, no. Il denaro gratis non piace agli europei, che non lo spenderebbero.

Niente, i cittadini europei non crederebbero alla bontà di una banca centrale, che lanci loro denaro cash da un elicottero. Lo svela un sondaggio realizzato dall’istituto olandese ING, condotto su oltre 11.000 cittadini europei intervistati, appartenenti a 12 paesi diversi della UE. I risultati di questo studio si mostrerebbero scarsi; il cosiddetto “helicopter money” non funzionerebbe, anche se l’efficacia sarebbe diversa da paese e paese.

Agli intervistati è stato chiesto come si comporterebbero, se ricevessero mensilmente e per un anno 200 euro esentasse, ovvero se li spenderebbero per almeno la metà o se li risparmierebbero. Oltre la metà ha risposto che risparmierebbe il denaro ricevuto, mentre solamente il 26% si è mostrato disponibile a spenderlo in gran parte. Dai calcoli, è emerso che mediamente sarebbero spesi solamente 48 su 200 euro, il 24%. (Leggi anche: BCE darà 1.300 euro a ogni cittadino dell’Eurozona?)

Consumatori italiani i più spendaccioni

I risultati variano molto, a seconda del paese. Gli italiani sarebbero i più propensi al consumo con il 38% di risposte positive, i più risparmiatori si troverebbero, invece, in Romania con solo il 12%. Subito dopo di noi, ci sarebbero i belgi con il 33%, seguiti da olandesi (29%) e spagnoli (28%). I tedeschi sarebbero in linea con la media europea, al 26%.

Altro aspetto curioso è che solo il 54% degli intervistati ha risposto di gradire denaro gratis, mentre solamente uno su tre sarebbe convinto che esso aumenterebbe l’inflazione. I più pessimisti con riguardo all’impatto positivo sull’economia sarebbero i britannici, dove i giudizi favorevoli sarebbero i più bassi di tutta la UE, al 30%.

 

 

Helicopter money opzione rispolverata contro economia stagnante

Sempre ING ha calcolato che i 48 euro mediamente spesi dai cittadini europei incrementerebbero i consumi del 3%, mentre il pil potrebbe crescere fino al 2%, anche se resta da vedere in cosa spenderebbero i destinatari di questo denaro gratis, se in beni e servizi di importazione o prodotti in loco.

Il concetto di “helicopter money” risale a quasi mezzo secolo fa, quando Milton Friedman, che fu poi Premio Nobel per l’Economia, ironizzò sul fatto che le banche centrali avessero come opzione quella di “sparare denaro da un elicottero”, considerata più neutrale e meno distorsiva di altre forme di immissione di liquidità sui mercati.

Di recente, l’ipotesi è stata riesumata quasi per disperazione dai banchieri centrali, quale soluzione finale per contrastare il mix di bassa inflazione e bassa crescita. (Leggi anche: Bassa inflazione, tecnologia ha battuto banche centrali)

Come sarebbe un helicopter money

Due sarebbero le modalità di lancio del denaro da un elicottero: inviare direttamente e gratis denaro sui conti correnti o al domicilio dei cittadini; finanziare la spesa pubblica dei governi, specie per la costruzione di infrastrutture. Quest’ultima opzione non è perseguibile dalla BCE, il cui statuto vieta la monetizzazione dei debiti degli stati appartenenti all’Eurozona. (Leggi anche: Helicopter money, l’ultima carta della BCE)

Il sondaggio di ING si presta a diverse osservazioni. In primis, gli italiani sembrerebbero, tra i paesi oggetto dell’intervista, i più bisognosi di liquidità, segnale delle condizioni di ristrettezza a cui soggiacciono numerose famiglie, a causa dei bassi redditi e/o della bassa occupazione. Ne consegue, che l'”helicopter money” sarebbe più efficace da noi che in Germania.

 

 

 

Denaro gratis non piace

Secondariamente, in pochi collegano il denaro ricevuto alla maggiore inflazione, ragione per la quale è probabile che l’iniziativa non smuoverebbe granché le aspettative sulla crescita dei prezzi e li terrebbe così sostanzialmente stabili. Terzo, il fatto che la stragrande maggioranza dei consumatori europei risparmierebbe denaro ricevuto esentasse e gratis dimostra quanto alta sia la preoccupazione per la propria condizione finanziaria e quanta probabilmente scarsa sarebbe la fiducia verso la bontà di simili misure, che non riscuotono evidentemente l’approvazione che ci si attenderebbe. Il denaro gratis non piace, perché crea sospetti. Sembra troppo bello per crederci.

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , , ,
>