Guadagni a due cifre in un mese? Possibile, se non hai paura della Grecia

La Grecia farà anche paura, ma chi non ne ha avuta può contare su guadagni a doppia cifra in poche settimane. Vediamo come stanno andando i suoi bond.

di Giuseppe Timpone, pubblicato il
La Grecia farà anche paura, ma chi non ne ha avuta può contare su guadagni a doppia cifra in poche settimane. Vediamo come stanno andando i suoi bond.

La recessione in Grecia sembra un lunghissimo capitolo forse alle spalle. Nel 2016, l’economia ellenica ha chiuso invariata rispetto all’anno precedente, mentre per quest’anno dovrebbe tornare a crescere a un ritmo superiore al 2%. C’è da recuperare quasi un quarto di pil andato perduto in sette anni di recessione dal 2008 ad oggi, ma i mercati iniziano a scommettere per il meglio. Ne è prova il crollo dei rendimenti decennali dei bond emessi da Atene, che oggi si aggirano sul 5,66%, ovvero ai livelli più bassi da sette anni e mezzo, da prima che esplodesse il bubbone della crisi del debito sovrano, che ha travolto la Grecia con estrema durezza.

Tre i fattori che stanno stimolando il rialzo dei prezzi dei bond ellenici: il raggiungimento di un accordo preliminare tra creditori pubblici (UE, BCE e FMI) e governo Tsipras per l’ottenimento di una tranche di 6 miliardi di euro degli aiuti stanziati per complessivi 86 miliardi con il terzo bailout siglato nell’estate 2015. Atene si è impegnata a varare misure per l’1% del pil entro il 2019 e per un altro 1% successivamente, a rafforzamento del suo avanzo primario. Solo così, i creditori europei le concederanno nuovi prestiti, grazie ai quali sarebbe sventato il rischio default a luglio, quando il paese dovrà rimborsare oltre 7 miliardi di euro di debiti in scadenza, di cui un paio alla BCE. (Leggi anche: Taglio pensioni e aumento tasse, Grecia accontenta i creditori)

Bond Grecia inseriti nel QE?

Secondariamente, in linea di massima, tutti i creditori per la prima volta hanno convenuto di tenersi pronti a una futura ristrutturazione del debito ellenico, che probabilmente avverrà in autunno, dopo le elezioni federali in Germania. Si tratterà quasi certamente di allungare le scadenze, di contenere gli interessi da pagare e forse anche di prorogare la durata del periodo di grazia, ad oggi in scadenza nel 2022, sotto il quale i greci non sono tenuti né a rimborsare il capitale ricevuto, né a corrispondere gli interessi ai creditori.

Infine, la BCE potrebbe finalmente inserire i titoli di Atene tra gli assets da acquistare con il “quantitative easing”. Secondo le stime, i funzionari di Mario Draghi sarebbero in grado di rastrellare sul mercato intorno ai 3-4 miliardi di euro di bond della Grecia, un quantitativo sufficiente a generare ottimismo. (Leggi anche: Bond Grecia in forte rialzo)

Bond Grecia, guadagni a due cifre in poche settimane

E così, nemmeno tre mesi fa, i rendimenti decennali ellenici erano al 7,8% e i prezzi dei relativi bond si aggirano intorno a quota 73, risalendo oggi a 86,5. Di fatto, chi li avesse acquistati allora e mantenuti sino a queste ore, avrebbe realizzato un guadagno a doppia cifra, nell’ordine del 18%. Analoghi i miglioramenti messi a segno dai bond a 30 anni, che solamente nell’ultimo mese e mezzo hanno segnato un rialzo dei prezzi del 17%, mentre i loro rendimenti sono scesi dal 7,3% a meno del 6,2%.

In realtà, operare sul mercato obbligazionario di Atene è impresa ai limiti del possibile. La liquidità è scarsissima, segnalando l’estrema difficoltà nell’acquistare o vendere i bond. I prezzi di cui sopra, quindi, sono poco più di un esercizio teorico, anche se i rialzi sostenuti delle ultime settimane potrebbero spingere le due parti del mercato a tornare a transare. Anche dalla Borsa di Atene sono arrivati segnali positivi negli ultimi tempi: +23% da inizio anno, qualche punto in più su base annua.

Attenzione: non è la prima volta che il mercato da vita a un rally dei bond ellenici, smentito nei mesi successivi da nuovi tonfi. All’indomani dalla scampata Grexit, i titoli ellenici hanno segnato il 100% in appena due mesi, salvo crollare subito dopo. Tuttavia, i livelli pre-crisi a cui si sono riportati adesso potrebbero avere aperto una nuova fase di guadagni più stabili. (Leggi anche: Rendimenti fino al 100% in 2 mesi? Investendo nei bond della Grecia)

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: bond Grecia, Crisi della Grecia, rendimenti bond