Green Pass Covid UE per tornare a viaggiare: che cos’è e come funziona

Tre alternative per tornare a viaggiare durante l'estate con il passaporto sanitario digitale.

di , pubblicato il
Green Pass Europeo

Come funzionerà il certificato verde digitale o Green Pass per viaggiare? Si parla ormai da mesi della possibilità di attivare un passaporto sanitario digitale per il via libera ai viaggi all’estero, una prova che la persona è stata vaccinata, si è ripresa dal covid o ha un test negativo. Si tratta di una misura temporanea che non avrà più validità una volta che terminerà l’emergenza sanitaria.

Aiutare la ripresa del turismo

Dopo la proposta legislativa, della Commissione Europea, la prossima settimana i paesi membri discuteranno in merito al certificato verde digitale. Non si tratta di un vero e proprio passaporto vaccinale ma un certificato che ha lo scopo di evitare blocchi e divisioni tra i Paesi Ue e rendere più semplici gli spostamenti. «Il pass è interoperabile e vincolante per i Paesi Ue, per evitare ogni forma di discriminazione offre “tre alternative” per tornare a viaggiare: dimostrare l’avvenuta vaccinazione, la negatività a un test o la guarigione dal Covid» ha detto il commissario per la Giustizia Ue, Didier Reynders. Il certificato sarà disponibile gratuitamente in formato cartaceo o digitale e tramite un Qr Code, garantirà la sicurezza dei dati. Lo scopo è quello di aiutare la ripresa del turismo entro l’estate e se tutto andrà bene sarà disponibile a giugno.

Come funziona il passaporto vaccinale

Si prevede dunque un documento che coprirà tre tipi di certificati: quelli di vaccinazione, certificati di test molecolare o rapido antigenico e certificati per persone che sono guarite. Tutti saranno dotati di un codice Qr per garantire l’autenticità del certificato e delle informazioni contenute. Il certificato sarà reso disponibile gratuitamente nella propria lingua.

Inoltre per evitare discriminazioni per le persone che non sono state vaccinate, la Commissione prevede la creazione di certificati di prova Covid 19 e certificati per chi è guarito dal covid.

Il documento sarà valido in tutti gli stati membri e anche in Svizzera, Norvegia e Liechtenstein.
L’avvio del certificato è molto importante per la ripresa del turismo che nell’ultimo anno ha subito un colpo durissimo e se non si farà qualcosa per salvare almeno le prossime vacanze estive sarà un vero problema. Secondo il ministro del Turismo, Massimo Gravaglia:

“Quest’anno ci sarà ancora tanto turismo Italia su Italia, ma inizia a vedersi anche qualcosa di turismo internazionale: è di oggi la notizia che Raynair prevede 1 milioni di passeggeri in Italia rispetto al nulla dell’anno scorso, vuol dire che si riparte; Easyjet +250%. Quindi si inizia a vedere qualcosa di positivo. Abbiamo ancora questo periodo fino a Pasqua e poi le cose andranno per forza migliorando. Utilizziamolo allora questo periodo”.

Vedi anche: Passaporto vaccinale, ecco cosa significa e quali conseguenze possibili per il turismo in Europa

[email protected]

Argomenti: ,