Grecia, Tsipras si dimette. Elezioni anticipate il 20 settembre

Grecia al voto anticipato il 20 settembre. In arrivo le dimissioni del premier Alexis Tsipras, senza una maggioranza in Parlamento sulle riforme.

di , pubblicato il
Grecia al voto anticipato il 20 settembre. In arrivo le dimissioni del premier Alexis Tsipras, senza una maggioranza in Parlamento sulle riforme.

La Grecia andrà alle elezioni anticipate il 20 settembre. La notizia, ancora non ufficiale, riecheggia tra i media ellenici, secondo cui il premier Alexis Tsipras starebbe per rassegnare le dimissioni. Un annuncio in tal senso è atteso stasera, probabilmente intorno alle 20, ore locali, dopo una riunione in corso presso la residenza del primo ministro, Villa Maximos. La decisione non è un fulmine a ciel sereno, in quanto il governo ha perso la maggioranza sull’accordo siglato in extremis con i creditori. La scorsa settimana, il piano delle riforme voluto dalla Troika (UE, BCE e FMI) era passato con soli 118 voti favorevoli della maggioranza e grazie ai deputati delle opposizioni. Il governo aveva avvertito prima della votazione che si sarebbe dimesso sotto la soglia di 120, quella minima necessaria per fare passare una legge, secondo  la Costituzione ellenica. Fino a questa mattina era previsto un imminente voto di fiducia, che è stato adesso messo in soffitto.   APPROFONDISCI – Grecia, Tsipras perde la maggioranza e chiede la fiducia. Varoufakis lascia Syriza   Le dimissioni arrivano a qualche ora di distanza dal pagamento dei 3,4 miliardi di euro alla BCE tra titoli di stato in scadenza e relativi interessi. Evitato così il default e messa in sicurezza la prima tranche di aiuti  per 26 miliardi di euro, Tsipras punta adesso a consolidare la sua posizione, ottenendo la maggioranza assoluta dei seggi, cosa alla portata per i sondaggi, liberando Syriza dall’ala più estrema e meno incline alle riforme. Negli ultimi giorni, però, le elezioni anticipate erano attese per il tardo autunno, dopo la revisione delle misure attuate da Atene da parte dei creditori. Evidentemente, Tsipras vuole accelerare i tempi e presentarsi all’appuntamento con un peso politico maggiore, in modo da ambire a una ristrutturazione del debito pubblico, ipotesi ancora non del tutto accettata dalla Germania. L’annuncio di questa sera è stato già ampiamente scontato dal mercato azionario ellenico, oggi in deciso calo, nonostante il default evitato, con i titoli bancari a cedere fino al  10%.   APPROFONDISCI – La Grecia rimborsa la BCE, ma le sue banche in borsa vanno KO  

Argomenti: