Grecia, la Merkel stana la furbizia di Tsipras sull’austerità

Grecia e creditori forse più vicini a un accordo, ma che inguaia il governo Tsipras, richiamandolo alle sue responsabilità. Ecco di cosa si tratta.

di , pubblicato il
Grecia e creditori forse più vicini a un accordo, ma che inguaia il governo Tsipras, richiamandolo alle sue responsabilità. Ecco di cosa si tratta.

Continuano le trattative tra Grecia e creditori pubblici, dopo che le parti hanno rilanciato il dialogo al G20 finanziario di Washington nel fine settimana appena trascorso. Le distanze restano intatte tra Atene e la Troika (UE, BCE e FMI), ma il vero nodo da sciogliere riguarda i creditori, divisi dalle stime sui conti pubblici ellenici. I governi europei, capeggiati dalla Germania, ritengono sufficienti le misure di austerità per 5 miliardi, che il governo Tsipras metterebbe in atto nei prossimi anni, al fine di centrare l’obiettivo di un avanzo primario (al netto degli interessi sul debito) del 3,5% del pil entro il 2018.

Debito Grecia, tedeschi confermano “nein” a taglio

Non la pensa così il Fondo Monetario Internazionale, che stima il rapporto tra avanzo primario e pil al 2018 solo all’1,5%. Da qui, l’istituto di Washington ha proposto ai creditori europei di abbassare il target del 3,5%, definito “irrealistico”, sia perché l’economia ellenica è in recessione, sia anche perché il governo di Atene non mostra grande volontà di tagliare la spesa pubblica. In alternativa, ritiene che servano 3 miliardi di misure extra, quindi, punta a 8 miliardi di euro tra tagli alla spesa e aumenti delle tasse. La Germania non intende cedere sul target dell’avanzo primario, che rappresenta un obiettivo irrinunciabile per stabilizzare il rapporto tra debito e pil nei prossimi anni, in vista di un integrale pagamento degli interessi dal 2023 in poi. Inoltre, Berlino respinge le pressioni dell’FMI per un taglio del debito, anche se si mostra possibilista, dietro l’adempimento della Grecia alle misure sollecitate, a una sua ristrutturazione, sotto forma di allungamento ulteriore delle scadenze e un nuovo abbassamento degli interessi.      

L’ultima proposta tedesca

Queste posizioni si sono cristallizzate da mesi e se l’impasse non si sblocca, a luglio si rischia un nuovo clima di tensione, visto che in quel mese arrivano in scadenza debiti per 4 miliardi. E allora, ecco la proposta del governo tedesco, che punterebbe a dare una svolta alle trattative: Tsipras vari misure di austerità per soli 5 miliardi, ma si vincoli a metterne in cantiere per altri 3 miliardi nei prossimi anni, qualora i risultati sul fronte dell’avanzo primario risultassero inferiori al target.

Il ragionamento della cancelliera Angela Merkel sarebbe il seguente: se davvero voi greci siete in buona fede e ritenete che l’austerità già prevista sia sufficiente, non avete nulla da temere, perché non dovrete varare le misure extra. La replica di Atene sembra di chi fiuta la trappola. “I 3 miliardi in più di austerità vanno oltre lo stesso accordo di luglio del 2015”, fa sapere il governo. Berlino auspica che la proposta venga accolta, perché potrebbe essere la sola in grado di mettere d’accordo tutti. L’FMI sarebbe rassicurato sulla sostenibilità dei conti pubblici ellenici; la Grecia dovrebbe stare tranquilla, perché se è vero che quel che ha fatto dovrebbe bastare, le misure supplementari rimarrebbero nel cassetto; la Germania avrebbe la certezza, che Atene raggiunga l’obiettivo concordato. E alla fine, potrebbe andare bene persino al governo greco, che quanto meno guadagnerebbe tempo, prima di dover varare con ogni probabilità l’ennesimo pacchetto di misure di austerità.  

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , , , , , , , ,
>