Giorni rossi al via, cosa si potrà fare il 24 e 25 dicembre

Le regole valide durante i giorni rossi, dal 24 al 27 dicembre. Che cosa si potrà fare?

di , pubblicato il
Regioni che rischiano la zona arancione dopo l'Epifania

Dal 24 dicembre iniziano i giorni rossi che andranno avanti fino al 27 dicembre e poi torneranno dal 31 dicembre al 3 gennaio e il 5 e 6 gennaio. Che cosa si potrà fare dunque durante la Vigilia di Natale, il 25 dicembre Santo Stefano? Di seguito alcuni chiarimenti su spostamenti, negozi, visite ai parenti e tavolate. 

Dal 24 dicembre scattano le restrizioni imposte dal Governo. Negozi, ristoranti e bar saranno chiusi e resteranno aperti solo per il cibo da asporto. Sarà vietato uscire da casa a meno di comprovate esigenze di lavoro, studio, salute e necessità. 

Si potrà fare la spesa?

Il 24 dicembre sarà possibile fare la spesa e andare in farmacia o in edicola, in base alla lista delle attività che restano aperte. Restano invece chiusi tutti i negozi e i ristoranti. Il coprifuoco resta fissato alle ore 22. Il 25 dicembre sarà tutto chiuso, anche i supermercati.

Visite a parenti e amici 

Il 24 e 25 dicembre sarà possibile fare visita a parenti e amici rispettando il limite di due persone che si spostano per andare in un’altra casa. Sarà possibile spostarsi solo una volta. Gli spostamenti possono avvenire sia per andare nello stesso Comune che per la visita in un altro Comune. Si potrà anche rimanere a dormire nella casa di parenti o amici

Regole per il pranzo di Natale 

Non ci sono regole specifiche in merito al pranzo di Natale ma la raccomandazione è quella di restare a pranzo con meno commensali possibili e appartenenti allo stesso nucleo familiare. Durante il pranzo è sempre fondamentale assicurare la distanza di sicurezza e indossare la mascherina quando non si sta mangiando con particolare attenzione agli anziani. 

Seconde case e alberghi 

Il 24 e 25 dicembre sarà possibile spostarsi verso la seconda casa dalle 5 alle 22 ma solo all’interno della propria Regione mentre non sono ammessi gli spostamenti per turismo che non avvengono verso una seconda casa. L’unica eccezione rimane per i piccoli Comuni fino a 5mila abitanti che possono spostarsi entro 30 km con esclusione degli spostamenti verso il capoluogo di Provincia.

Vedi anche: Chi si può invitare a pranzo o a cena a Natale e Capodanno?

[email protected]

Argomenti: ,