Giglio magico Renzi e massoneria: la Boschi contro De Bortoli, cosa è successo davvero nel caso Banca Etruria-Unicredit

Ancora caos e polemiche su Maria Elena Boschi: le rivelazioni di De Bortoli e la verità su Banca Etruria-Unicredit. Renzi, la massoneria e il giglio magico.

Condividi su
Seguici su
Carlo Pallavicini

Giglio magico Renzi e massoneria: la Boschi contro De Bortoli, cosa è successo davvero nel caso Banca Etruria-Unicredit

Ancora una volta problemi per il giglio magico di Renzi, adesso c’entrerebbe anche la massoneria: dopo l’inchiesta Copasir – scomparsa dai giornali ma sulla quale gli inquirenti continuano a lavorare – questa è la volta di Maria Elena Boschi, la quale avrebbe fatto pressioni a Unicredit per salvare la banca di famiglia, Banca Etruria. A lanciare l’accusa, se così la vogliamo chiamare, è un giornalista di alto profilo e non di certo un professionista dello ‘strillo’: si tratta di Ferruccio De Bortoli, il quale, comunque, ha trovato il modo di pubblicizzare al meglio il suo nuovo libro ‘Poteri forti’. Un dato di fatto resta: in Italia esiste la presunzione di innocenza, ma è anche vero che, nel giglio magico di Renzi, sussistono dei gravi problemi di conflitto d’interesse. Insomma, poco diverso da quanto accadeva ai tempi di Silvio Berlusconi.

Qui Massoneria tra ‘ndrangheta e politica: cosa sta succedendo davvero?

Boschi-De Bortoli: cos’è successo davvero tra Unicredit e Banca Etruria?

Secondo quanto raccontato da Ferruccio De Bortoli, ex direttore de Il Corriere della Sera, Maria Elena Boschi, nel 2015, quando era ministro per le Riforme e suo padre era vicepresidente di Banca Etruria, avrebbe incontrato molte volte tal Flavio Carboni per ricevere consigli su chi bisognasse mettere alla direzione generale della banca di famiglia. In più, i problemi montavano e così la Boschi avrebbe fatto ‘pressioni’ anche sull’ad di Unicredit, Federico Ghizzoni, affinché il suo istituto acquisisse Banca Etruria. Queste sono le parole di Ferruccio De Bortoli:

‘La domanda era inusuale da parte di un membro del governo all’amministratore delegato di una banca quotata. Ghizzoni, comunque, incaricò un suo collaboratore di fare le opportune valutazioni patrimoniali, poi decise di lasciar perdere. L’industriale delle scarpe Rossano Soldini mi ha raccontato di aver avuto molti sospetti sul ruolo della massoneria locale nella gestione dell’istituto’

Ecco Rifiuti Roma: allarme topi e scarafaggi. Renzi “Domenica ripuliamo” ed è scontro con Grillo e Raggi.

Giglio magico e massoneria: De Bortoli contro Boschi, cosa c’è dietro la vicenda Unicredit-Banca Etruria

Dunque, si profila un caso in cui a essere immischiati sono Maria Elena Boschi, il giglio magico di Renzi e la massoneria locale. Secondo Ferruccio De Bortoli, occorre porsi la seguente domanda:

‘Non sarebbe il caso di chiedersi se anche legami massonici o di altra natura non trasparente siano stati all’origine della concessione di troppi crediti facili e della distruzione di molti piccoli risparmi?’

Questa volta potrebbe davvero scoppiare la bomba, anche perché – occorre sottolinearlo – la penna che scrive, Ferruccio De Bortoli, è un giornalista ritenuto assolutamente serio e super partes. Maria Elena Boschi ha smentito e parlato di ‘campagna di fango’, mentre le opposizioni non potevano fare altro che chiedere di riferire in Parlamento o di dimettersi. Un ultimo appunto: non ci sono prove di tutto ciò, si tratta di conversazioni che non sono registrate né lo potranno (ovviamente) essere mai. Si tratta, dunque, di una questione ‘morale’ e non giudiziaria. Ma si sa, tra giglio magico e massoneria locale è difficile che la ‘moralità’ sia un valore da perseguire.

Seguici su Facebook

Condividi su
Seguici su

Commenta la notizia




SULLO STESSO TEMA