GAM – l’accessibilità ai beni di lusso è la chiave

Commento sull’andamento e le opportunità di investimento sul settore del lusso, a cura di Scilla Huang Sun di GAM Investments

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Commento sull’andamento e le opportunità di investimento sul settore del lusso, a cura di Scilla Huang Sun di GAM Investments

I dati del secondo trimestre testimoniano un trend solido nel settore del lusso, guidato non solo dal continente asiatico, ma anche dagli Stati Uniti. Intanto, il tanto temuto rallentamento in Cina finora non si è ancora concretizzato. La storia di crescita secolare non è intaccata: la ricchezza globale della fascia più ricca della popolazione è cresciuta dell’11% nel 2017 secondo i dati di Cap Gemini e per il 2018 ci attendiamo una crescita delle vendite di beni di lusso superiore al 5%.

Il settore lusso è al terzo anno di ripresa e sono tante le società che stanno superando le attese. I recenti timori di natura geopolitica hanno portato le valutazioni più in basso avvicinandole a livelli più attraenti, la polarizzazione all’interno del settore va avanti e tra i vincitori ci sono marchi come Gucci, Louis Vuitton e Balenciaga.
Il focus principale delle società del settore continua ad essere rappresentato dai millenials, dalla strategia di vendite omini-channel e dalla digitalizzazione. La Cina rappresenta da sola un terzo del mercato globale del lusso, la regione nordamericana vale per il 18% e i Paesi dell’Europa occidentale rappresentano il 15%. La generazione X attualmente contribuisce per il 39% alla spesa di settore, mentre ci si aspetta che i millenials arrivino a contribuire per il 50% entro il 2024.

Questa categoria presta più attenzione all’ambiente rispetto alla generazione dei loro genitori, e ha dato vita a un trend di maggiore attenzione verso prodotti sostenibili. Dal nostro punto di vista il potere dei brand e in particolare il loro pricing power permettono di raggiungere alti livelli di redditività. Inoltre, i dividendi distribuiti dalle principali società del lusso sono cresciuti nel corso degli ultimi 10 anni e dovrebbero continuare la propria in questa direzione anche nel futuro.

Apprezziamo in particolar modo i brand che offrono beni di lusso accessibili in grado di attrarre millenials e nuovi consumatori. Abbiamo anche una preferenza per i nomi in grado di cavalcare i trend digitali e di settore, oltre ai titoli che generano flussi di cassa significativi.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Altre economie