Gaetano Silvestri, chi è il nuovo Presidente della Corte Costituzionale e cosa pensa su Porcellum e Legge Severino

Gaetano Silvestri è stato eletto nuovo presidente della Corte Costituzionali, totalizzando 8 voti su 15 (gli altri 7 sono andati a Luigi Mazzella). Andiamo a vedere chi è Gaetano Silvestri e cosa ha detto su Porcellum e Legge Severino.

di , pubblicato il
Gaetano Silvestri è stato eletto nuovo presidente della Corte Costituzionali, totalizzando 8 voti su 15 (gli altri 7 sono andati a Luigi Mazzella). Andiamo a vedere chi è Gaetano Silvestri e cosa ha detto su Porcellum e Legge Severino.

Chi è Gaetano Silvestri, appena eletto nuovo presidente della Corte Costituzionale? E perché avrà un ruolo fondamentale nel futuro politico del Paese? Il primo segnale di questo secondo interrogativo proviene non solo dalle sue prime parole su Porcellum e Legge Severino, ma anche dalla Consulta, nettamente divisa sulla votazione. Infatti, ormai, non è più un mistero che Silvestri sia stato eletto con 8 voti contro i 7 a favore di Luigi Mazzella, nominato pertanto vicepresidente, entrambi in carica fino al 2014. Se Silvestri è più vicino all’ambiente di Centrosinistra, Mazzella è più vicino all’ambiente di Centrodestra. “Sarò il Presidente di tutti”, sono state le prime dichiarazioni “politiche” di Silvestri, il quale ha poi rassicurato la stampa presente alla conferenza che la Consulta, dopo un attimo di indecisione, si è subito riunita. Parole di facciata dietro una figura che si è già espresso sul Porcellum, definendolo un problema.   TI POTREBBERO INTERESSARE Elezioni a febbraio: il piano di Napolitano dopo l’abolizione del Porcellum Cos’è la legge Severino e perché potrebbe essere applicabile  

Chi è Gaetano Silvestri, nuovo Presidente Corte Costituzionale?

Gaetano Silvestri è nato a Patti, in provincia di Messina, il 7 giugno 1944. Laureatosi in giurisprudenza nel 1966, è stato premiato 1 anno più tardi dal presidente della Repubblica per aver scritto la migliore tesi in Diritto Costituzionale. Iscritto al Pci e poi al Pds, Silvestri ottiene una cattedra all’Università di Messina, mentre dal 1988 al 1991 è tra i membri del Comitato direttivo dell’Associazione Italia dei Costituzionalisti. In seguito è figurato tra i componenti della Commissione paritetica per le norme di attuazione dello Statuto della Regione siciliana e del Consiglio scientifico dell’Istituto di studi sulle Regioni del Cnr. Nel 1998 è diventato Rettore dell’Università di Messina.

 

Ecco cosa ha detto Silvestri su Porcellum e Legge Severino

Appena eletto nuovo presidente della Corte Costituzionale, Gaetano Silvestri, incalzato dalla stampa, si è già espresso su Porcellum e Legge Severino. Sul sistema elettorale, Silvestri ha sottolineato le problematiche che sussistono: “Il Porcellum presenta aspetti problematici rispetto al premio di maggioranza senza soglia”, ma ha anche tenuto a precisare che “questo non significa anticipare un giudizio di costituzionalità, che è altra cosa”. Dichiarazioni che rappresentano un ulteriore segnale di come la crisi politica sia sempre più vicina, rafforzata peraltro dal videomessaggio di ieri di Silvio Berlusconi. I giornalisti non hanno mancato di fare anche una domanda sulla Legge Severino, tema caldissimo che ruota attorno alla questione della decadenza di Berlusconi. Nessun commento, ma una riflessione che vale più di molte parole. “A questa domanda non posso rispondere”, ha detto Silvestri, spiegando poi che una sua dichiarazione sul tema potrebbe anticipare la sua opinione il cui luogo di discussione è la sede competente. Tuttavia ha proseguito: “Oggi, non solo in Italia, c’è una tendenza a scaricare sul potere giudiziario decisioni che il potere politico non riesce a prendere“. E’ ovvia la steccata al governo Letta, diviso sulla questione e in stallo da ormai diverso tempo.  

Argomenti: