Furia Inutile: Perché i politici sia Greci che Tedeschi sbagliano ad essere arrabbiati

Varoufakis sottolinea l'assurdità della scena per entrambe le parti: i Greci si lamentano quando i buoi sono già scappati dalla stalla, e i Tedeschi pretendono l'impossibile....ma dove vogliono arrivare?

di , pubblicato il

di Yanis Varoufakis – Così, alcuni politici Tedeschi hanno messo nero su bianco quello che stanno pensando da un po’:  la Grecia è diventata un peso insopportabile e, se devono rassegnarsi a continuare a mettere i loro soldi in quel buco nero,  potrebbero a questo punto anche avere voce in capitolo nel modo in cui viene gestito sul campo.

Prevedibile, l’uscita di questo documento ha dato ai politici Greci, e allo sfortunato Ministro delle Finanze in particolare, una grande opportunità per gonfiare i muscoli, e inscenare la loro furia verso la Germania che calpesta la sovranità nazionale della Grecia, ecc.

Stupidaggini, dico io! Da entrambi i lati. Sul versante Greco, cosa mai ci aspettavamo? Una volta che un paese accetta la logica di prestiti schiaccianti a condizione di un’austerità che approfondisce l’insolvenza del paese, che quindi chiede più prestiti, arriverà il momento che i finanziatori internazionali insisteranno per avere il potere esecutivo diretto. Nel linguaggio aziendale, questo è noto  come amministrazione controllata. I politici Greci che hanno messo la firma sui vari accordi  di ‘bailout’ stanno aprofittando della nostra credulità quando protestano per la perdita della sovranità nazionale. I buoi sono usciti dalla stalla mesi fa.

Per quanto riguarda i politici Tedeschi, temo che il giudizio della storia non sarà più gentile. Hanno volutamente accumulato nuovi giganteschi prestiti a un paese insolvente, a condizione di un’austerità che riduce il reddito nazionale da cui questi prestiti (oltre a quelli preesistenti) avrebbero dovuto essere pagati. E poi, quando l’economia sociale della Grecia si è avvizzita ed è morta, si sono infuriati perché le ‘riforme’ non hanno funzionato,  il gettito fiscale si è ridotto, che non ci sono acquirenti per gli assets dello stato Greco. Il mio messaggio per loro è:  avete imposto alla Grecia, e al resto della periferia Europea, una politica sbagliata, e ora dovete sopportarne le conseguenze.

 

Da mesi, attraverso le pagine di questo blog (e altrove), sto sostenendo che la tragedia dei ‘salvataggi’ Greci, anzi della strategia globale per affrontare la crisi dell’euro, è stata una commedia degli errori.

Non è forse tempo che i nostri politici (Greci e Tedeschi) confessino la loro idiozia seriale? Non è venuto il tempo di fermare questo colpevole gioco e questa finzione?

Come nota finale, ho un messaggio per i politici Tedeschi: come privato cittadino Greco, capisco la vostra fatica con tutte queste faccende Greche. Ma se siete così sicuri che il vostro progetto per stabilizzare la Grecia è così buono (e che il problema è la sua attuazione da parte delle autorità Greche), siete i benvenuti ad Atene  per prendere in consegna la sua attuazione.  Ma ad una condizione:

Se riuscite a far funzionare l’austerità nel bel mezzo di un ciclo di deflazione da debito, fate pure il vostro prezzo. Per esempio, se entro un anno o poco più il PIL Greco comincia a crescere nuovamente e la disoccupazione greca scende al di sotto del 10%,  potete avere la nostra rete elettrica (che Siemens ha sempre desiderato), le nostre aziende dell’acqua, e tutti gli assets che indicate in anticipo.  Ma, se non ci riuscite, allora dovete pagare un prezzo: per esempio, pagare per intero i prestiti  della Grecia alla troika.

Quindi, che facciamo? Giochiamo?

 

 

Articolo originale: Pointless fury: Why both German and Greek politicians are wrong to be angry

Argomenti: , ,