Fuga di Natale e prezzi di treni e aerei alle stelle prima dei divieti

Rincari segnalati per treni e aerei durante il weekend prima del divieto di spostamento.

di , pubblicato il
Ripresa trasporto aereo

Nonostante i vari divieti chi deve tornare a casa per le vacanze lo farà ed è già partita la corsa all’acquisto dei biglietti dei treni e aerei, in particolare per il weekend del 19 dicembre, l’ultimo in cui sarà possibile partire prima che partano i divieti di spostamento.

Treni più cari per le feste, arriva la risposta di Trenitalia

Intanto le associazioni di categoria parlano di rincari spropositati di aerei e treni, nel momento in cui sono partite le prenotazioni di massa. I giorni scorsi era stato il Presidente della Lombardia, Attilio Fontana, a parlare di esodo di massa da Nord a Sud e di prenotazioni schizzate per i trasporti. Come era accaduto lo scorso anno, a ridosso delle festività i biglietti sono aumentati a dismisura. Come ha fatto sapere il Codacons:

Il costo dei biglietti è mediamente triplicato per molte compagnie aeree rendendo particolarmente gravoso per i cittadini spostarsi in aereo. Alla base dei rincari, tuttavia, non vi sarebbe solo la maggiore domanda da parte degli utenti, ma una strategia precisa adottata dai vettori, i quali metterebbero in vendita solo i posti più costosi, eliminando quelli scontati o più convenienti.

Non solo aerei, ma anche treni affollati e presi di mira per fare ritorno a casa con un aumento di prezzo consistente. Ad esempio da Torino per raggiungere Reggio Calabria il 20 dicembre, il prezzo è arrivato a 211 euro. La risposta di Trenitalia non è tardata ad arrivare. La società ha specificato che:

“I prezzi dei biglietti ferroviari di Trenitalia, per viaggiare sugli Intercity e sulle Frecce durante il periodo natalizio non sono rincarati né è prevista alcuna loro variazione. Il listino con i prezzi base è immutato da oltre un anno: non ci sono stati aumenti né sono in programma, contrariamente a quanto invece riferito da un’associazione dei consumatori“.

La questione aerei

Rincari anomali sono stati segnalati anche per gli aerei. Secondo il sito Rimborsovolo.it, gli incrementi sono evidenti e superano la logica di mercato. Il portale ha specificato che i prezzi dei biglietti aerei prima del 21 dicembre sono schizzati e in alcuni casi quadruplicati. Si nota, infatti, che dopo il 21 dicembre i prezzi sono crollati nuovamente. Rimborsovolo pensa che il rischio sia quello di aumenti speculativi “che giocano sulla necessità dei passeggeri di spostarsi prima del 21 dicembre, anche attraverso l’eliminazione dal mercato di biglietti a prezzo scontato”. Vedremo se questi allarmi serviranno a riportare l’ordine.

Vedi anche: Nuovo Dpcm Natale: che cosa si potrà fare e cosa no fino al 15 gennaio

[email protected]

 

Argomenti: ,