Forze dell’ordine, nuovo equipaggiamento in arrivo: taser al debutto in 12 città

Dal 5 settembre in 12 città italiane, da Milano fino a Catania, inizierà la sperimentazione del taser.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Dal 5 settembre in 12 città italiane, da Milano fino a Catania, inizierà la sperimentazione del taser.

Durante le ultime legislature, una delle maggiori critiche rivolte ai politici è stata di aver lasciato sole le forze armate. Dalla mancanza di carburante per le auto all’equipaggiamento inadeguato, i punti messi in evidenza dalla critica erano numerosi. Rispetto al recente passato, il Ministero dell’Interno ha voluto lanciare un messaggio di cambiamento. Attraverso un post pubblicato sulla propria bacheca Facebook, Salvini ha annunciato: “Dal 5 settembre in 12 città italiane, da Milano fino a Catania, inizierà la sperimentazione del taser, la pistola elettrica non letale che aiuterà migliaia di agenti a fare meglio il loro lavoro.

Per troppo tempo – ha proseguito Salvini – le nostre Forze dell’Ordine sono state abbandonate, è nostro dovere garantire loro i migliori strumenti per poter difendere in modo adeguato il popolo italiano. Orgoglioso – ha concluso il ministro dell’Interno – del lavoro quotidiano delle forze di Polizia e Carabinieri”. Le pistole saranno sperimentate a Milano, Napoli, Torino, Bologna, Firenze, Palermo, Catania, Padova, Caserta, Reggio Emilia, Brindisi e Genova.

Cos’è il taser?

Come evidenziato dal ministro Salvini, il taser è una pistola elettrica, la stessa che utilizza la polizia statunitense per intenderci. Al suo interno nessun proiettile ma una scarica elettrica tanto potente da immobilizzare un essere umano. Sul suo utilizzo, le discussioni non mancano. Salvini ha affermato come non sia letale, mentre Amnesty International ha denunciato centinaia di morti provocate dal taser. Per di più, l’ONU ha inserito la pistola elettrica tra gli strumenti di tortura a partire dallo scorso anno (2017 ndr).

Quanto costa il taser?

Il costo della pistola elettrica taser è pari a 1.200 dollari. Viene prodotta da un’unica società a livello globale, la Axon Enterprise, la cui capitalizzazione azionaria è pari a 4 miliardi di dollari. Soltanto nel 2016, le entrate di Axon sono state di poco inferiori ai 300 milioni di dollari, a conferma di quale sia il giro d’affari milionario intorno alle pistole elettriche. In Europa il taser è già presente in Francia, Germania, Grecia, Repubblica Ceca, Gran Bretagna e Finlandia.

Leggi anche: Amazon, bufera sul riconoscimento facciale venduto alla polizia

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Italia, Politica, Politica italiana

I commenti sono chiusi.