“Sull’euro siamo stati acritici e superficiali”, l’auto-accusa choc dell’FMI

Un report interno all'FMI accusa l'istituto di Washington di analisi superficiali ed errori grossolani nelle sue previsioni, oltre che di parteggiare apertamente e acriticamente per l'euro.

di , pubblicato il
Un report interno all'FMI accusa l'istituto di Washington di analisi superficiali ed errori grossolani nelle sue previsioni, oltre che di parteggiare apertamente e acriticamente per l'euro.

E’ stato scioccante il report pubblicato al termine della settimana scorsa dal consiglio di sorveglianza del Fondo Monetario Internazionale (FMI), che condanna senza appello l’operato dell’istituto negli ultimi anni. Secondo tale relazione, l’organismo con sede a Washington si sarebbe reso responsabile di una “cultura compiacente”, specie con riferimento all’esperienza dell’euro, frutto di “analisi superficiali e meccaniche”.

Nel report, si evidenzia come sarebbero scomparsi numerosi documenti nel corso delle indagini aperte dall’Ufficio di Valutazione Indipendente, lo stesso che ha criticato i bail-outs di Grecia, Irlanda e Portogallo, così come un atteggiamento di “tifo” nei confronti dell’euro.

A tale proposito, i sorveglianti dell’FMI notano come l’istituto abbia parteggiato apertamente per l’unione monetaria prima ancora del lancio dell’euro, senza aver preso in considerazione le critiche di alcuni dirigenti interni ad esso, che avevano parlato di costruzione “imperfetta”.

Crisi finanziaria e bancaria, mancate previsioni FMI

L’FMI non sarebbe stato nemmeno in grado di prevedere l’arrivo di crisi, come quella finanziaria globale del 2007-’08, né avrebbe anche solo preso in considerazione la possibilità di una crisi nella bilancia dei pagamenti all’interno dell’Eurozona, tanto che nel 2007, a proposito della Grecia, non lo aveva considerato un problema.

L’istituto si sarebbe reso anche responsabile di un ostentato ottimismo dinnanzi a diverse crisi, come quella del debito sovrano e delle banche nell’Eurozona. “Molti documenti sono stati preparati al di fuori dei canali ufficiali”, un fatto che i sorveglianti dell’FMI ritengono non dovrebbe accadere. In alcuni casi, sarebbero stati preparati senza nemmeno informare i dirigenti.

 

 

 

Crisi euro, FMI accusato di scarsa obiettività

Il j’accuse del report contro le modalità operativo dell’istituto internazionale è assai grave, perché mette in dubbio la capacità di giudizio dello stesso su fatti mondiali di estrema rilevanza, come la crisi finanziaria globale o l’analisi su quanto accaduto negli ultimi anni nell’Eurozona.

Non è la prima volta che l’FMI stesso ammette propri errori, alcuni di una certa serietà. Qualche anno fa, fece mea culpa sulle politiche di austerità suggerite alla Grecia, dato che nel 2010 aveva pubblicato uno studio, secondo il quale il pil ellenico sarebbe diminuito dello 0,5% per ogni punto di pil oggetto di tagli alla spesa pubblica e/o di aumento delle tasse. Il dato empirico fu completamente diverso: il pil di Atene era crollato 5 volte tanto, ovvero del 2,5% per ogni punto percentuale. E la disoccupazione, che l’organismo ipotizzò arrivasse fino a un massimo del 15%, schizzò fino al 25%.

Posizione ferma su Brexit

Alla guida dell’FMI c’è l’ex ministro delle Finanze francese, Christine Lagarde, fresca di una seconda nomina. La stessa si è schierata decisamente contro la Brexit prima del referendum, ritenendo che l’eventuale uscita del Regno Unito dalla UE avrebbe comportato rischi per l’economia globale, limitandosi dopo il voto a invitare Londra e Bruxelles a un negoziato corretto. A causa delle sue intrusioni nella vicenda, però, dopo l’uscita del report del venerdì scorso, un parlamentare dell’Ukip ha invitato il premier Theresa May ad attivarsi per ottenere le dimissioni dei “pagliacci” dell’FMI.

Aldilà delle dichiarazioni isteriche, a rischio c’è la credibilità dell’istituto, che anche a causa di quelle analisi superficiali sopra citate, in Grecia è costretto a inviare il suo rappresentante all’interno della Troika, il danese Poul Thomsen, accompagnato da una guardia del corpo.

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , , , , , , , , ,