Financial Times: Renzi cambi le regole UE o l’Italia esca dall’euro

Per il Financial Times, se l'Italia non dovesse trovare aperture sul Fiscal Compact e altre regole europee, il premier Matteo Renzi dovrebbe guidare l'uscita del nostro paese dall'euro.

di , pubblicato il

Un altro articolo del Financial Times a firma di Wolfgang Muenchau invita il governo Renzi a mettere in seria discussione la permanenza dell’Italia nell’Area Euro. L’autore scrive che la vera sorpresa di queste elezioni europee è stata la netta affermazione del premier Matteo Renzi, il quale si è forse avvantaggiato del taglio delle tasse sul lavoro, anche se sostanzialmente coperte dall’aumento della Tasi e da altre misure vaghe per gli anni seguenti. Muenchau cita alcune dichiarazioni critiche verso l’Europa del nostro premier, ma dubita che egli possa avere quella forza necessaria per cambiare le regole europee e consentire, quindi, all’Italia di potere rimanere nell’Eurozona. Egli dovrebbe trovare alleati, come il presidente francese François Hollande, almeno per modificare il Fiscal Compact, rendendolo più flessibile.   APPROFONDISCI – Fiscal Compact, il governo Renzi sbatte contro i “nein” di Frau Merkel   Esso prevede che ciascuno stato membro dell’Area Euro debba tagliare ogni anno il debito pubblico eccedente il 60% del pil nella misura del 5%. Per un paese come l’Italia, con un debito al 135% del pil, ciò significherà dover abbassare tale rapporto ogni anno del (135 – 60) x 0.05 = 3,75% del pil, pari a circa 60 miliardi di euro. Con un’inflazione molto al di sotto del 2%, per il nostro paese sarebbe necessario aumentare l’avanzo primario ancora di più. In realtà, spiega Muenchau, nemmeno un’alleanza con altri partner europei potrebbe bastare per convincere la cancelliera Angela Merkel, perché il Fiscal Compact è stata una sua invenzione in piena crisi, una moneta di scambio che ha consentito la nascita dei fondi di salvataggio, invisi alla Germania. In alternativa, la forza di Renzi potrebbe consistere, ancora l’autore dell’articolo, nell’esecuzione dell’agenda delle riforme promessa, ma ancora abbastanza evasa e fin qui deludente, come si evincerebbe dalla riforma del lavoro e dallo stallo sulla legge elettorale. In ogni caso, Muenchau ritiene che il governo Renzi meriti almeno il beneficio del dubbio, anche se non nutre molte speranze sulla sua riuscita. Se così non fosse, conclude, egli dovrebbe mettere in forse la permanenza dell’Italia nell’Eurozona.   APPROFONDISCI – The Guardian: l’euro è già fallito, ci sarà una lunga crisi    

.
Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: