Filtri delle sigarette, frode mortale: la denuncia-appello che stupisce

Mentre si parla di aumenti per sigarette e cartine con la nuova possibile tassa, un'inchiesta mette in luce la pericolosità dei filtri.

di , pubblicato il
Mentre si parla di aumenti per sigarette e cartine con la nuova possibile tassa, un'inchiesta mette in luce la pericolosità dei filtri.

Maria Rita Montebelli, dottoressa specializzata in endocrinologia presso il Policlinico Gemelli di Roma, lanciato una denuncia-appello sull’utilizzo dei filtri delle sigarette. Il medico ha ribattezzato l’uso dei filtri come la più mortale delle frodi, in un articolo pubblicato per Libero.

Lo spunto arriva da una recente pubblicazione sul British Medical Journal a cura di Thomas Novotny e altri colleghi della London School of Hygiene and Tropical Medicine con base a Londra, secondo cui l’Unione europea ad oggi non si è ancora preoccupata di porre un freno a una delle più importanti cause di inquinamento da plastica, vale a dire i mozziconi delle sigarette. Infatti, quest’ultimi contengono filtri in plastica non biodegradabile, per via della presenza dell’acetato di cellulosa. Ma c’è di più.

La frode sui filtri delle sigarette

La dottoressa Maria Rita Montebelli si scaglia contro il messaggio comune che i filtri delle sigarette proteggono l’individuo dalle sostanze cancerogene. Falso, secondo quanto afferma la Montebelli, che a sostegno della sua tesi cita la recente pubblicazione di Novotny. Il collega della dottoressa italiana parla apertamente dei filtri delle sigarette come la più mortale frode nella storia dell’uomo. A questo proposito, vengono presentati numeri eloquenti: 400 mila persone ogni anno muoiono negli Stati Uniti d’America fumando sigarette con filtro.

Il bluff del colore marroncino dei filtri

Nel suo approfondimento pubblicato dalla versione online del quotidiano Libero, la dottoressa Montebelli sfata il mito del colore marroncino dei filtri, ritenuta come la prova tangibile del funzionamento dei filtri. La gente comune crede infatti che quel colore sia dovuto al trattenimento delle sostanze nocive della sigaretta. In realtà, la Montebelli sottolinea che la colorazione tipica dei filtri delle sigarette sia dovuta all’alterazione del pH dell’acetato di cellulosa mentre si fuma. A scoprirlo per primo fu il chimico Claude Teague, il quale lavorava presso la RJ Reynolds.

Aumenti sigarette

Tutto questo mentre le sigarette potrebbero subire l’aumento dei prezzi possibili a causa delle nuove tasse che dovrebbero portare in dote 88 milioni di euro e nella bozza della manovra anche un microtassa su cartine e filtri per le sigarette “da arrotolare” mentre le elettroniche si salvano.

Leggi anche: Tassa sul fumo: aumenti sigarette fai da te, si salvano le elettroniche

Aumenti sigarette normali ed elettroniche, un nuovo colpo per i fumatori

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,
  • Giargia ha detto:

    Articolo fuorviante come al solito per far passare un messaggio sbagliato… Non è mica colpa del governo se il fumo fa male, c’è scritto anche sopra i pacchetti, da sempre ci son stati aumenti sulle sigarette in qualsiasi tempo, perché far risaltare ora questo.
    Non vuoi pagare la micro tassa che stanno mettendo? Non fumare e basta, e ne guadagni anche di salute

  • >