Fatturazione elettronica: ecco cosa è e per chi sarà obbligatoria

Attraverso la fatturazione elettronica, sarà più semplice per l'Agenzia delle Entrate verificare eventuali anomalie nel flusso di denaro.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Attraverso la fatturazione elettronica, sarà più semplice per l'Agenzia delle Entrate verificare eventuali anomalie nel flusso di denaro.

All’interno del testo della legge di Bilancio per il 2018, tra gli altri provvedimenti adottati dal governo Gentiloni, figura anche l’obbligatorietà della fatturazione elettronica. La misura, secondo quanto stabilito nella nuova normativa, scatterà a partire dal prossimo 1° luglio. Sono in tanti, nelle ultime settimane, a domandarsi cosa sia esattamente la fatturazione elettronica e per quali soggetti scatterà l’obbligo di presentarla. Con questo provvedimento, il precedente governo a maggioranza Pd ha voluto rendere le attuali procedure più semplici, favorendo anche il risparmio della carta per l’utilizzo dei documenti, visto che l’intero processo avverrà online. Ma non solo.

Cosa è la fatturazione elettronica e chi sarà tenuto ad emetterla

Con l’introduzione dell’obbligo della fatturazione elettronica per i subappaltatori della Pubblica Amministrazione e gli operatori della filiera dei carburanti, a partire dal 1° luglio, si va a completare un processo iniziato dal 2014, quando fu introdotto lo stesso obbligo per le fatture verso la PA. Infine, dal 1° gennaio del prossimo anno (2019 ndr), anche le aziende saranno chiamate ad emettere la fatturazione elettronica qualora si presenti un’operazione da concludere con altre società. Il tutto verrà gestito attraverso il sistema Sdi, il cui funzionamento è piuttosto banale: l’azienda in questione non deve far altro che accedere al servizio web preposto e da qui caricare la fattura. Il sistema è gestito dall’Agenzia delle Entrate, in collaborazione con Sogei (Società Generale d’Informatica e MEF (Ministero Economia e Finanza).

Cosa cambia

Attraverso la fatturazione elettronica, sarà più semplice per l’Agenzia delle Entrate verificare eventuali anomalie nel flusso di denaro tra le diverse società, in modo da limitare i frequenti episodi di evasione fiscale che si verificano nel nostro Paese. Nelle prossime settimane, in caso di ulteriori novità, vi continueremo ad aggiornare sulla situazione. Per il momento, non ci resta che darvi appuntamento ai prossimi giorni, per nuovi approfondimenti su temi di economia, fisco e finanza.

Leggi anche: Carta d’identità elettronica: attiva solo nel 17% dei Comuni, quanto costa negli altri paesi

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Italia

I commenti sono chiusi.