Fase 3 e fatturato imprese: previsioni sull’andamento economico

Fase 3, fatturato imprese italiane: nel 2021 recupero solo parziale.

di , pubblicato il
Fase 3, fatturato imprese italiane: nel 2021 recupero solo parziale.

Le previsioni di CRIF Ratings sul recupero di fatturato delle imprese italiane nel 2021 sono negative. Secondo quanto dichiarato dal GMO (General Manager Operations) Simone Mirani, nel corso del prossimo anno le imprese recupereranno solo in parte il fatturato andato perduto durante il 2020 a causa dell’emergenza coronavirus. Le prime stime parlano di un calo complessivo nel biennio 2020-2021 pari al 3%.

EBITDA: nel 2020 previsto un calo del 23%

La società CRIF Ratings prospetta per l’anno in corso una flessione dell’EBITDA nell’ordine del 23% rispetto al valore registrato lo scorso anno. Così come per il fatturato, il recupero previsto per il nuovo anno sarà sì importante ma non riuscirà a garantire il pareggio se confrontato con i termini di contrazione di quest’anno.

Flussi di cassa dimezzati

Un altro dato allarmante dell’ultima analisi proposta da CRIF Ratings ha per oggetto i flussi di cassa dimezzati per la maggior parte delle imprese italiane, con una situazione ancora più grave per quelle società attive nei settori in cui il capitale circolante ha una maggiore incidenza. Per quest’ultime le stime di CRIF parlano di un crollo dei flussi di cassa fino al 90%.

L’importanza dei contributi a fondo perduto

Il GMO di CRIF Ratings Simone Mirani spiega come alla luce della situazione finanziaria di un gran numero di imprese italiane giocheranno un ruolo ancora più importante i finanziamenti a fondo perduto che il governo ha stanziato con l’ultimo decreto Rilancio. Inoltre, insieme ai contributi supportati dalla garanzia statale, avranno un impatto notevole – spiega Mirani – “le moratorie sulle esposizioni creditizie in essere”.

Agenzia delle Entrate: domande per i finanziamenti a fondo perduto al via dal 15 giugno

Lunedì prossimo le imprese, gli imprenditori e i titolari di partita Iva potranno presentare domanda tramite il portale telematico Entratel o un intermediario abilitato.

Le richieste potranno essere inoltrate fino al prossimo 24 agosto. I contributi a fondo perduto spetteranno a chi nel 2019 ha avuto un fatturato inferiore ai 5 milioni di euro, dimostrando inoltre di aver avuto un calo del fatturato pari ai due terzi rispetto al primo trimestre del 2019.

Leggi anche: Fase 3 dal 15 giugno: d-day europeo si avvicina, ultime riaperture

[email protected]

Argomenti: , ,