Fallimento Mercatone Uno, ultime notizie: ipotesi ammortizzatori sociali per i lavoratori

Nelle ultime ore è spuntata per loro l'ipotesi degli ammortizzatori sociali, chiesti dall'ex Presidente della giunta regionale dell'Emilia-Romagna Vasco Errani.

di , pubblicato il
Nelle ultime ore è spuntata per loro l'ipotesi degli ammortizzatori sociali, chiesti dall'ex Presidente della giunta regionale dell'Emilia-Romagna Vasco Errani.

I 1.800 dipendenti della società Mercatone Uno rimasti senza lavoro (e senza retribuzione) dall’oggi al domani a poche ore dal voto per le Europee 2019 sono ancora in attesa di conoscere il loro destino. Sono ormai trascorse quasi due settimane dall’inizio dell’incubo per molte famiglie italiane, che si apprestano a vivere un’estate di passione. Nelle ultime ore è spuntata per loro l’ipotesi degli ammortizzatori sociali, chiesti dall’ex Presidente della giunta regionale dell’Emilia-Romagna Vasco Errani (tra le altre cose anche ex commissario straordinario per il terremoto del Centro-Italia nel 2016, quando il governo era guidato da Matteo Renzi.

Vasco Errani chiede gli ammortizzatori sociali per i lavoratori della Mercatone Uno

Il portale Ravenna Today riporta le dichiarazioni rilasciate nella giornata di mercoledì da Vasco Errani, attuale senatore del partito Articolo 1 (movimento democratici progressisti Ravenna). Nella nota pubblicata, il senatore conferma di aver presentato un’interrogazione parlamentare al ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico Luigi Di Maio per una risposta su quella che viene definita una situazione drammatica per i lavoratori dei negozi Mercatone Uno. L’obiettivo di Errani è di chiedere con forza al governo gialloverde di dare una risposta celere in merito alla richiesta da parte dei sindacati. Quest’ultimi hanno infatti chiesto all’esecutivo di attivare la cassa d’integrazione straordinaria per tutti i 1.800 lavoratori rimasti senza lavoro e senza stipendio da un giorno all’altro.

Atti di sciacallaggio in Puglia, nel Napoletano e a Milano

Non c’è pace per la storica azienda Mercatone Uno, all’indomani del fallimento della società Shernon Holding che neanche dodici mesi prima aveva preso le redini del comando in amministrazione straordinaria. Infatti, diversi atti di sciacallaggio sono stati registrati nella regione Puglia, per la precisione presso le città di Bari, Francavilla Fontana e Terlizzi. I sindacati hanno chiesto alle autorità competenti di mettere in campo ogni sforzo possibile per vigilare sui negozi Mercatone Uno, al fine di proteggere l’integrità del patrimonio d’azienda, “uno dei requisiti per la sopravvivenza e la continuità legata ad eventuali nuovi acquirenti” fanno sapere le sigle sindacali.

Altri episodi di sciacallaggio ai danni della società Mercatone Uno si sono registrati anche nel Napoletano e presso la città di Milano.

Leggi anche: Fallimento Mercatone Uno, cassa integrazione da subito per i lavoratori

Mercatone Uno, la cronistoria di un fallimento annunciato

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,
>