Eurogruppo, accordo di massima tra Grecia e creditori. Intesa la prossima settimana?

Alcune fonti greche farebbero pensare che l'Eurogruppo abbia raggiunto un accordo di massima per concedere la proroga di sei mesi degli aiuti alla Grecia.

di , pubblicato il
Alcune fonti greche farebbero pensare che l'Eurogruppo abbia raggiunto un accordo di massima per concedere la proroga di sei mesi degli aiuti alla Grecia.

Secondo Panagiotis Agraflotis, portavoce della delegazione della Grecia all’Eurogruppo di Bruxelles, tra il governo Tsipras e il resto dell’Eurozona sarebbe stato trovato un accordo di massima sui principi, su cui i 19 ministri economici starebbero adesso intavolando una discussione. Un funzionario di Atene, tuttavia, interpellato ha risposto di non essere a conoscenza di alcuna intesa. Il presidente dell’Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem, ha dichiarato che le trattative sarebbero difficili, ma potrebbe trattarsi di pura tattica negoziale per spingere il ministro dell’Economia greco, Yanis Varoufakis, a concedere più di quanto non abbia fatto sinora. Anche la cancelliera Angela Merkel ha definito la lettera di Tsipras di ieri “una buona base di partenza, ma su cui si dovrà ancora lavorare molto”. Secondo gli umori tastabili al vertice, è probabile che un accordo definitivo non si riesca a trovarlo entro stasera, ma che l’intesa slitti alla prossima settimana, magari proprio a ridosso della scadenza di fine mese, quando saranno esauriti i prestiti della Troika (UE, BCE e FMI) messi a disposizione di Atene, in modo da aumentare le pressioni sul governo Tsipras. Il via libera alla proroga del bail-out dovrà avvenire dopo il voto di quattro parlamenti, quelli di Germania, Olanda, Finlandia ed Estonia, per cui la firma non potrebbe slittare oltre il 27, in modo da consentire alle rispettive assemblee di formalizzare l’accordo. Intanto, il tabloid tedesco Bild ha aperto nel pomeriggio un giallo su una presunta lettera inviata per sbaglio ieri dal ministro Varoufakis all’Eurogruppo, dove rispetto alla missiva ufficiale, la Grecia avrebbe fatto maggiori concessioni, arrivando ad accettare le condizioni già concordate a suo tempo con la Troika per ricevere gli aiuti. Varoufakis ha smentito la notizia, sostenendo ironicamente che “chi crede a Bild lo fa a suo rischio e pericolo”.   APPROFONDISCI – Eurogruppo, ecco lo scenario possibile se stasera non si trova un accordo sulla Grecia    

Argomenti: , ,