Espropriare le terre ai bianchi, deriva alla Zimbabwe per il Sudafrica di Zuma

Esproprio delle terre possedute dalla minoranza bianca e distribuzione ai neri. E' l'appello rivolto dal presidente sudafricano Zuma, che riecheggia le politiche tragiche dello Zimbabwe, che tanti disastri hanno provocato.

Condividi su
Seguici su
Giuseppe Timpone

Bianchi a rischio esproprio terre in Sudafrica

La storia sembra insegnare poco, anche quando è trascorso poco tempo e ha riguardato uno stato confinante. Seguendo il ragionamento del presidente Jacob Zuma, esternato nel suo discorso allo Stato della Nazione, è possibile che il Sudafrica percorra le stesse tappe disastrose del vicino Zimbabwe, la cui economia è stata travolta dall’iperinflazione solamente nel 2009 e ancora oggi sembra soffrire di decenni di misure demagogiche e autolesionistiche del suo presidente Robert Mugabe, oggi un ultranovantenne ancora in cerca di un ulteriore mandato. Rivolgendosi al popolo e alla politica di Pretoria, Zuma ha invitato tutti i neri a unirsi in Parlamento per cambiare la Costituzione, in modo da rendere possibile ciò che ad oggi possibile non sarebbe: espropriare le terre dei bianchi senza alcun indennizzo.

Il presidente sudafricano ha mostrato la volontà di effettuare una ricognizione della proprietà delle terre in era pre-coloniale, così da potere verificare il modo di distribuirle alla maggioranza nera, riecheggiando la proposta di Julius Malema, leader del partito radicale Combattenti per la Libertà Economica, che chiede proprio l’espropriazione delle terre oggi in mano ai “teppisti” bianchi e senza indennizzo. (Leggi anche: Il Sudafrica di Mandela vacilla, ecco perché l’economia potrebbe anche peggiorare)

Espropriare le terre ai bianchi sarebbe “dichiarazione di guerra”

Zuma sta esternando sempre più toni aggressivi verso la minoranza bianca, specie dopo che l’African National Congress ha subito alle elezioni amministrative dell’agosto scorso il peggiore risultato dalla fine dell’apartheid, pur mantenendo di gran lunga la maggioranza assoluta dei consensi. Per riformare la Costituzione servono i due terzi dei seggi in Parlamento, ragione per la quale il capo dello stato punta adesso a compattare le forze politiche espressione dei neri.

Per tutta risposta, Andries Breytenbach, segretario del Partito Boero Afrikaner, ha parlato di “dichiarazione di guerra”, chiedendo una mediazione urgente con il governo. Ad oggi, il 22% delle terre nel Sudafrica sono in mano allo stato, che a sua volta le ha concesse per gran parte alla popolazione nera, mentre del 78% di proprietà privata non è data sapere la ripartizione tra etnie. (Leggi anche: Investire in Sudafrica? Rand vincitore inatteso dalla Brexit)

Seguici su Facebook

Condividi su
Seguici su
Fine 1° parte. Vai a pagina 2

Commenta la notizia







SULLO STESSO TEMA