Emergenza migranti, quanti sono in Italia? Un’info-grafica racconta la realtà di 9 paesi

Quanti sono i migranti in Italia? Un'info-grafica spiega la situazione in nove paesi e soprattutto chiarisce il rapporto tra percezione e realtà.

di , pubblicato il
Quanti sono i migranti in Italia? Un'info-grafica spiega la situazione in nove paesi e soprattutto chiarisce il rapporto tra percezione e realtà.

I fatti di Roma non possono che aprire un fronte sulla percezione del problema dell’emergenza migranti in Italia. Prima di analizzare i dati che stiamo per proporre – e che riguardano essenzialmente la distanza tra la percezione e la realtà – occorre fare chiarezza su quanto accaduto a Roma:

  • i migranti che sono stati caricati erano “rifugiati politici”, che, secondo il diritto internazionale sottoscritto anche dall’Italia, non solo hanno diritto all’accoglienza, ma anche alla possibilità di conduzione di una vita dignitosa;
  • le istituzioni nazionali e locali violano, dunque, questo “diritto” del rifugiato: questi uomini, donne e bambini hanno allora occupato una palazzina, ovviamente in maniera illegale, e, quando è arrivato lo sgombero, annunciato già da mesi, le istituzioni nazionali e locali non hanno predisposto alcuna soluzione abitativa alternativa e che non ledesse il diritto del rifugiato alla scuola e al lavoro
  • le forze dell’ordine hanno fatto il loro dovere, anche se in maniera eccessivamente “dura”, così come i rifugiati hanno rivendicato giustamente il proprio diritto
  • la “colpa” non è né degli uni né degli altri, ma delle istituzioni locali e nazionali.

Detto questo, ecco i dati.

Analisi – Quanto ci costerà questa ‘fake news’ (o ‘fake reality’) su migranti e razzismo?

Emergenza migranti, quanti sono in Italia? La differenza tra percezione e realtà in 9 paesi

La percezione popolare di un problema è cosa ben diversa dall’entità reale dello stesso. L’emergenza migranti, cavalcata da media e politici, rientra pienamente in questa dinamica: ad esempio, negli USA, si ritiene che gli immigrati siano in un numero superiore 3 volte alla realtà. Si tratta di costruzione dell’immaginario e, al di là di come la si possa pensare, è sempre utile, per costruirsi una propria posizione critica, riuscire a scindere tra “ciò che siamo costretti a ritenere” (dai media, dai politici) e “cioè che è in realtà”.

Lasciamo, dunque, a voi la riflessione nel merito. Due precauzioni per la lettura dell’info-grafica: la colonna rossa indica la percezione, la colonna blu indica la realtà – è chiaro che più la distanza è grande, più i media e la politica costruiscono un immaginario sballato; i dati riguardano il 2011 e sono stati prodotti dall’OECD, l’organizzazione di sviluppo intergovernativo – oggi, probabilmente, la differenza tra percezione e realtà sarebbe ancora maggiore.

Argomenti: , , , ,