Emergenza migranti: dalla UE tante belle parole ma Macron si sfila

L'emergenza migranti suscita grande partecipazione nei grandi d'Europa, tutto con l'Italia ma solo a parole: Macron già si sfila.

di Carlo Pallavicini, pubblicato il
L'emergenza migranti suscita grande partecipazione nei grandi d'Europa, tutto con l'Italia ma solo a parole: Macron già si sfila.

Il premier Gentiloni è volato a Berlino e negli incontri preparatori al G20 ha voluto ringraziare tutti i leader europei per la solidarietà dimostrata sul nodo dell’emergenza migranti, chiedendo però che alle belle parole facciano seguito anche azioni concrete. Ed è questo il problema: l’Unione Europea è semplicemente, al momento, l’unificazione dei mercati, ma l’idea che possa essere considerata una sorta di super-nazione è al momento da non prendere in considerazione. L’Europa è unificata sul piano dei mercati e della finanza, ma non politicamente: a dimostrarlo la questione della Grecia – e come se l’Italia, ad un certo punto, decidesse di stringere il cappio a una regione debitrice, mettiamo la Campania – ma a dimostrarlo ancora di più è l’emergenza migranti: tante belle parole, davvero, ma nessun aiuto. E Macron si sfila.

Qui, Allarme Migranti: chi ci guadagna, cosa cambia in Italia da luglio e in arrivo sanzioni per i paesi poco ospitanti.

Emergenza migranti: quante belle parole dall’Europa, ma aiuti concreti? Macron si sfila

Paolo Gentiloni, dunque, ha chiesto un aiuto concreto per la gestione dell’emergenza migranti. Juncker ha detto, ad esempio, che è già da molto tempo che in Commissione sono convinti che non si possano abbandonare al proprio destino l’Italia e la Grecia. Ci pensano, ma non agiscono: andrebbe commentato. Angela Merkel ha sostenuto che l’Italia va appoggiata e chiede alla Francia di fare il suo dovere sui rifugiati; Macron prende la palla al balzo per dire che l’80% dei migranti in Italia sono di tipo ‘economico’, dunque che non possono ottenere lo status di rifugiati. In soldoni, Macron ha detto che i richiedenti asilo saranno accolti, ma gli altri se li tenga pure il Belpaese. Mariano Rajoy, premier spagnolo, ha dimostrato solidarietà all’Italia, ma non ha fatto menzione di cosa concretamente la Spagna potrebbe fare per il nostro paese.

Qui, Come avviene davvero uno sbarco di migranti e come ‘lavora’ Medici senza Frontiere.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Crisi economica Italia, Economia Europa, Economia Italia, Emergenza profughi, Francia, Politica, Politica italiana