Ultim’ora: “Twitter Sister” per Elon Musk, lo ha deciso la SEC dopo l’ennesima violazione

Elon Musk è stato costretto dalla SEC a firmare un accordo in base al quale deve essere affiancato da un “twitter sitter”.

di , pubblicato il
Elon Musk scopre che i Bitcoin non sono eco-friendly e li fa crollare

La scorsa primavera, la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti (SEC) ha ammonito Tesla e il CEO Elon Musk per presunta violazione dei termini di un accordo, in base al quale la stessa Tesla, e i suoi legali, avrebbero dovuto mettere a freno i tweet esuberanti del proprio CEO. La notizia è stata riportata in questi giorni dal Wall Street Journal. Vediamo meglio di cosa si tratta.

La SEC è intervenuta sui tweet di Elon Musk

Nel 2018, Musk, in seguito ad un suo tweet su un possibile buyout della società con “finanziamenti già assicurati”, era stato accusato di frode da parte della SEC.

In quella occasione, il patron di tesla era stato costretto a pagare una sanzione da 40 milioni di dollari e a firmare un accordo in base al quale, sostanzialmente, gli doveva essere affiancato un “twitter sitter”. Così, tutti i tweet di Elon Musk, prima della pubblicazione, devono essere supervisionati e approvati dagli stessi avvocati di Tesla.

Tuttavia, secondo la SEC, l’accordo sarebbe stato violato già 2 volte:

  1. nel 2019, parlando dei numeri di produzione del Solar Roof;
  2. il 1° maggio 2020, quando Elon Musk ha affermato che il prezzo delle azioni di Tesla era “troppo alto”, provocando un calo di oltre 13 miliardi di dollari nel valore di mercato dell’azienda.

Cosa rischia adesso il CEO di Tesla?

Nonostante le due violazioni sopra menzionate, la SEC ha deciso “voler risolvere le controversie senza andare in tribunale”, chiedendo agli avvocati di Tesla di “implementare ulteriori misure di controllo per non danneggiare ulteriormente gli azionisti”.

Ad ogni modo, secondo il Wall Street Journal, l’ammonizione di Elon Musk non dovrebbe essere seguita da alcuna sanzione.

 

Elon Musk, articoli Correlati

Argomenti: