Elezioni politiche viste dall’estero: la stampa tifa per Monti

La stampa straniera preferisce nettamente Monti e poi Bersani, ma è consapevole del probabile esito confuso e della rimonta di Berlusconi

di Giuseppe Timpone, pubblicato il
La stampa straniera preferisce nettamente Monti e poi Bersani, ma è consapevole del probabile esito confuso e della rimonta di Berlusconi

Mancano meno di due giorni all’apertura dei seggi per le elezioni politiche più incerte degli ultimi decenni in Italia. La stampa straniera cerca di interferire in un voto decisivo non solo per l’Italia. Il Time è il magazine più apertamente filo-Bersani, che spera vivamente che sia il PD a prevalere alle urne, mostrando di apprezzare il candidato premier, che nella qualità di ministro dell’ultimo governo Prodi (2006-2008) si sarebbe speso notevolmente per liberalizzare l’economia, specie per rompere il monopolio energetico che l’Enel vantava da 37 anni. Malgrado l’assenza di fascino, spiega l’articolo del Time, Bersani potrebbe rappresentare quella svolta attesa, dopo gli anni dell’indisciplina di Silvio Berlusconi.  

Stampa estera elezioni politiche 2013: la posizione dei principali giornali

Il britannico Times tifa Mario Monti, sostenendo che ci sarebbe bisogno in Italia di più Monti, anche se questo avrebbe fatto una campagna elettorale da robot. Fosse pure vero ciò, continua, gli italiani dovrebbero preferire un robot. Sulla stessa linea il quotidiano finanziario Financial Times, che, però, ricorda come nel 2006 Romano Prodi fosse dato in netto vantaggio sul rivale Berlusconi, salvo vincere per soli 25 mila voti e senza avere una maggioranza al Senato. Secondo il FT, si potrebbe scoprire alla fine che il vincitore di queste elezioni sarà la destra: o Berlusconi porterà la coalizione da lui guidata verso un’improbabile vittoria, oppure riuscirà a capeggiare un’opposizione forte contro l’austerità, l’Europa e un governo debole che potrebbe uscire dal voto. In ogni caso, ammonisce il quotidiano, non bisogna dimenticare la spettacolare rimonta del 2006. Più disperato lo stato d’animo del quotidiano tedesco Die Welt, che spiega come il candidato dei sogni della Germania, Mario Monti, non sia in grado di parlare al cuore degli italiani. Per Bloomberg, invece, si rischia un risultato che potrebbe portare alla paralisi. Decisamente anti-Cav la linea del filo-socialista El Pais, per cui in Italia guadagna terreno solo il populismo e i giudici sarebbero l’unico freno agli abusi di potere nel Belpaese. Abc, infine, punta sul ritorno in scena di Berlusconi, che a suo avviso sarebbe frutto di un miracolo televisivo. In conclusione, la stampa straniera è fortemente schierata in favore di Monti e di una ipotetica alleanza tra i centristi e Bersani. Tuttavia, nessuno sembra sottovalutare la potenza elettorale di Berlusconi, per quanto appannata negli ultimi tempi. Al contrario, dai numerosi articoli pubblicati sulle elezioni italiane e dagli appelli lanciati quasi quotidianamente agli italiani, sembra emergere la consapevolezza che il tandem dei sogni dei quotidiani esteri, la coppia Monti-Bersani, sarebbe tutt’altro che forte e rischia di ottenere una vittoria monca, a tutto vantaggio di chi siederà tra i banchi dell’opposizione, ossia il Cavaliere e Beppe Grillo.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Politica