Elezioni comunali Roma 2013: risultati ballottaggio in tempo reale

Proiezioni e aggiornamenti in tempo reale dei risultati del ballottaggio delle elezioni amministrative per l’elezione del nuovo sindaco di Roma

di , pubblicato il
Proiezioni e aggiornamenti in tempo reale dei risultati del ballottaggio delle elezioni amministrative per l’elezione del nuovo sindaco di Roma

Ore 16.50: le dichiarazioni di Alemanno parlano chiaro: “Ho appena telefonato a Marino per fargli le mie congratulazioni e per mettermi a disposizione. Il risultato è netto, è evidente che l’astensionismo è stato troppo forte, il numero delle persone che hanno votato per me è sostanzialmente lo stesso tra primo e secondo turno. Il problema vero è il comprendere l’allontanarsi dei romani dalla partecipazione politica. Credo che la partecipazione della destra debba essere più ampia, occorre aprire una riflessione nella destra su Roma e sul piano nazionale. Ringrazio tutti gli elettori che nonostante una difficile campagna hanno deciso di andare a votare e tutti quelli che si sono impegnati per questa campagna elettorale. Bisogna ripartire dalle persone. Sul versanete politico ci impegneremo, sul fronte istituzionale faremo un’opposizione seria nell’esclusivo interesse di Roma. Faremo tutto ciò che c’è da fare, avendo in mente una situazione, quella di Roma, fortemente difficile per dare voce a quei cittadini che non si vedranno nella futura amministrazione. Ci rilanceremo con la nostra presenza”. Ore 16.30: 1529 sezioni su 2600 Marino a 382.278  voti con il 63,80% Alemanno resta dietro a 216.919, 36,20%

 

Ore 16.10: prime proiezioni ufficiali.  803 sezioni su 2.600 Marino è a 199.321 voti (64,22%) Alemanno a 111.064 (35,78%)   Ore 16.00: Arrivano i primi exit pool a Roma e negli altri Comuni interessati al ballottaggio (Elezioni comunali 2013: risultati ballottaggio in tempo reale città per città). Presso il comitato di Alemanno crolla la fiducia: Barbara Saltamartini appare pessimista “Gli exit poll parlano chiaro, aspettiamo ma i dati sembrano netti“. Luciano Ciocchetti (ex assessore Pdl in Regione Lazio, attualmente deputato) ritiene che Marino sia stato avvantaggiato dalla scarsa affluenza alle urne.

 

  Ore 15.45: secondo i primi dati sull’affluenza circa il 45,13% degli aventi diritto si è recato alle urne tra ieri e oggi. Presso il comitato di Alemanno è giunto anche Francesco Storace, che non ha rilasciato commenti, ma l’atmosfera sembra piuttosto dimessa. In attesa dei dati ufficiali il senatore Andrea Augello ha già anticipato ai microfoni del tg La7: “Dato politico è che ha vinto Marino. Pesano su questo risultato i problemi che ha vissuto il Comune di Roma, per quanto riguarda i tagli e la crisi. Questo non è il tempo dell’analisi. Sarei cauto nel decretare la morte della destra romana”. Ore 15.30: La sala stampa per Ignazio Marino è stata allestita presso il Tempio di Adriano di Piazza di Pietra. Nella piazza è stato già stato montato un palco e sullo sullo bianco campeggia una scritta rosa : Roma è vita. Il candidato sindaco del Pd è atteso per le 17.30. Il comitato per Alemanno sindaco invece attende i risultati in a via Giano Della Bella, quartier generale del sindaco uscente. Presente anche la moglie di Alemanno, Isabella Rauti (appena nominata consigliere del Viminale da Alfano).

 

Ore 15.15: Ufficialmente chiusi i seggi. Iniziano gli spogli. Il primo istant poll vede Alemanno al 39.5% e Marino al 60.5%. Intorno alle 15.30 dovrebbero essere diffusi i dati ufficiali sull’affluenza definitiva alle urne.

Prime proiezioni attese per le ore 16.00.

 

  Stanno per chiudere a Roma i seggi del ballottaggio delle elezioni Comunali 2013. Dalle 15 spoglio con l’aggiornamento risultati in tempo reale e prime proiezioni nel faccia a faccia Alemanno-Marino. Al primo turno il candidato del Pd era in notevole vantaggio sul sindaco uscente  di oltre il 12%. Ma Alemanno si è detto fiducioso su un possibile recupero. Al secondo turno delle amministrative si conferma l’astensionismo dilagante. Alle 22 di ieri sera infatti aveva votato solo il 32,30% degli aventi diritto nella Capitale, contro il  37,69% del primo turno, quindi con un ulteriore caldo del 5% .

 

Argomenti: