Economia, Italia perde terreno anche a dicembre: per Vincenzo Boccia il rilancio passa da Nord e Sud insieme

Secondo Boccia la ricetta vincente per il rilancio italiano passa dall'unione di Nord e Sud.

di , pubblicato il
Secondo Boccia la ricetta vincente per il rilancio italiano passa dall'unione di Nord e Sud.

Nella giornata di ieri Vincenzo Boccia, presidente di Confindustria, ha partecipato al convegno Ricominciamo dal Sud, organizzato ad Avellino dal movimento L’Altra Avellino. Boccia ha confermato che l’Italia è un Paese in declino dal punto di vista economico, sottolineando come anche i dati di dicembre siano negativi per il nostro Paese. Secondo il numero uno degli industriali, la ricetta vincente per il rilancio italiano passa dall’unione di Nord e Sud. L’intervento di Boccia entra di diritto nella discussione di questi ultimi giorni riguardo al regionalismo differenziato, che ha avuto per protagonista di recente la stessa regione Campania con la mossa a sorpresa del governatore Vincenzo De Luca.

Nord e Sud insieme: la ricetta di Vincenzo Boccia

Il numero uno di Confindustria, nel corso del suo intervento alla manifestazione Ricominciamo dal Sud, ha affermato: “È giunto il momento di fare sintesi tra questioni parlamentari”, riferendosi alla questione settentrionale e a quella meridionale. Le dichiarazioni del presidente della Confederazione generale dell’industria italiana cita di Riccardo Monti (Sud. Perché no?), dove l’attuale consigliere delegato di Triboo (azienda attiva nel settore dell’e-commerce) si domanda se oggi sia possibile “la realtà di un Mezzogiorno con un reddito procapite pari alla metà di quello dell’altra parte d’Italia”. Un’amara constatazione da parte di Riccardo Monti, a cui Vincenzo Boccia cerca di dare una risposta concreta.

Non serve assistenza

In un passaggio del suo recente intervento ad Avellino, il presidente di Confindustria chiarisce: “Ci sono alle spalle 20 anni di disattenzione al Sud, che fare? Lavoro – afferma Boccia – formazione, infrastrutture, ecco cosa serve per ripartire”. In conclusione al suo intervento, Vincenzo Boccia ha lanciato una frecciata al governo: “Non serve assistenza”.

Nelle parole del numero uno degli industriali italiani, in molti hanno letto una critica aperta nei confronti del reddito di cittadinanza, la misura simbolo del Movimento 5 Stelle e dello stesso governo gialloverde (insieme a quota 100 per le pensioni).

Nei giorni scorsi, il vicepremier Luigi Di Maio si è detto d’accordo con Vincenzo Boccia in merito alla necessità dell’apertura dei cantieri di tutte quelle opere già finanziate. L’attuale ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico ha sottolineato: “La visione del nostro Paese deve essere legata alle nuove opere da creare e alle opere da concludere”.

Leggi anche: Reddito di cittadinanza e l’allarme Confindustria, ma gli stipendi bassi sono il vero problema

Argomenti: , ,