Ecco perché il petrolio può crollare ancora senza una pausa della Fed sui tassi USA

Il crollo del petrolio sembra eccessivo, eppure potrebbe anche peggiorare con la reazione delle compagnie americane. E la Federal Reserve sembra sempre meno capace di alzare i tassi ai ritmi attuali dopo quest'anno.

di Giuseppe Timpone, pubblicato il
Il crollo del petrolio sembra eccessivo, eppure potrebbe anche peggiorare con la reazione delle compagnie americane. E la Federal Reserve sembra sempre meno capace di alzare i tassi ai ritmi attuali dopo quest'anno.

L’OPEC taglierà la produzione di 1,4 milioni di barili al giorno, ma in modo da non indispettire l’amministrazione Trump. Come? L’Arabia Saudita annuncerà formalmente al vertice di Vienna della settimana prossima di ridurre la propria offerta di 1 milione di barili al giorno rispetto al target di 11 milioni, portandolo ai livelli del novembre 2016, quando fu deciso il primo taglio. Si tratta di una strategia comunicativa quasi disperata, nel tentativo di Riad di convincere l’America di Donald Trump di essere a suo fianco, pur accontentando i partner del cartello. Il presidente americano sta facendo massima pressione sui sauditi, affinché abbassino ulteriormente i prezzi. Ha fatto sapere di fidarsi più delle spiegazioni del principe Mohammed bin Salman sul caso Khashoggi, anziché del dossier della CIA, secondo cui l’omicidio del giornalista dentro il consolato saudita di Istanbul fu ordito proprio dalla Casa Reale. Tuttavia, con il Brent ad essere crollato fin sotto i 59 dollari al barile nel corso della seduta di venerdì scorso, una reazione sembra dovuta e per questo il regno non può stare a guardare.

La crisi del petrolio costa all’OPEC centinaia di miliardi e l’Arabia Saudita torna sotto pressione 

La Russia, che due anni fa aveva partecipato all’accordo per tagliare la produzione, stavolta non è convinta. Mosca non ha alcun assillo per un immediato rialzo delle quotazioni. Grazie al rublo debole, il cui tasso di cambio è stato liberalizzato proprio quattro anni fa in coincidenza con il collasso del petrolio, riesce a incassare in valuta locale almeno il 20% in più dalle esportazioni dei barili, rispetto a quando le quotazioni fossero sopra i 100 dollari.

Negli USA, gli automobilisti ringraziano. Il prezzo del carburante per gallone è passato dagli oltre 3 dollari di fine maggio a una media nazionale di 2,70 dollari, in calo di ben 14 centesimi in un paio di settimane. Questo era l’obiettivo minimo di Trump, ovvero allontanare il più possibile i prezzi dalla soglia politicamente critica dei 3 dollari, equivalenti a poco meno di 80 centesimi al litro. Tuttavia, l’America è adesso anche la principale produttrice di petrolio al mondo con 11,7 milioni di barili al giorno e una tendenza a superare in pochi mesi i 12 milioni, grazie al boom dello “shale”. Dunque, un arretramento dei prezzi assume qui una doppia valenza: rende felici i consumatori/automobilisti, ma al contempo colpisce l’industria estrattiva, mettendo a rischio posti di lavoro. E c’è di più: le compagnie a stelle e strisce rappresentano il 15% del debito corporate “junk” o “spazzatura” negoziabile sui mercati in forma di obbligazioni. Parliamo di qualcosa come circa 200 miliardi di dollari.

Debito USA “junk” preme sui prezzi

Nel complesso, l’industria petrolifera dovrà rifinanziare debiti per 240 miliardi nel solo 2019. Nulla di anomalo, se non fosse che le quotazioni calanti creino apprensione in un ambiente di tassi in rialzo. In pratica, le compagnie si troveranno ad emettere nuovo debito a costi più alti, mentre i loro ricavi tendenzialmente diminuiranno, essendo le quotazioni crollate del 30% in 7 settimane. Sarebbe lo scenario peggiore possibile, specie se le quotazioni del Wti, attualmente in area 51 dollari, scendessero sotto i 45 dollari, soglia-limite per gran parte del greggio estratto nel Persian Basin, in quanto i ricavi non riuscirebbero nemmeno a coprire i costi. Ecco, quindi, che la reazione possibile al crollo di queste settimane rischia per l’OPEC di essere l’esatto contrario di quanto desiderato, ossia un aumento delle estrazioni, al fine di massimizzare i flussi di cassa con cui ripagare i debiti in scadenza. Questo significherebbe, però, accelerare il crollo delle quotazioni. Sembra un discorso irrazionale, ma solo perché lo guardiamo da un punto di vista complessivo, macro. Non lo è, se ragionassimo per il caso specifico: se io, singola compagnia, ho problemi nel rimborsare i debiti in scadenza, la mia principale preoccupazione per evitare il default è di incassare più liquidità possibile, anche “svendendo” la merce.

Quanto sopra ci spinge a ipotizzare che il crollo del petrolio, se da un lato potrebbe essere stato eccessivo, dall’altro avrebbe modo di peggiorare. Del resto, proprio l’aumento esplosivo della produzione americana ha portato al collasso dei prezzi. L’OPEC ora stima che la domanda globale nel 2019 salirà di 1,3 milioni di barili al giorno, meno degli 1,5 milioni attesi a settembre. E l’offerta quotidiana all’infuori del cartello crescerà di 2,3 milioni di barili, per cui non solo il mercato non tenderebbe verso l’equilibrio, ma la discrepanza tra domanda e offerta dovrebbe allargarsi di 1 milione di barili al giorno. Da qui, l’intervento per tagliare la produzione, anche se nei fatti esso equivale a ridurre le quote di mercato per i sauditi, in particolare.

Petrolio, Trump tra le cause principali del crollo dei prezzi

Rialzo tassi USA sostenibile?

Intanto, le aspettative d’inflazione negli USA si stanno raffreddando ai minimi da fine 2017. Il “breakeven” tra rendimenti quinquennali a cedola fissa e quelli legati all’inflazione per i Treasuries è oggi all’1,78%, quando nel maggio scorso era arrivato al 2,16%. In pratica, nell’ultimo semestre si è scesi di una quarantina di punti base, segno che il mercato non starebbe scontando un’inflazione in accelerazione e nemmeno intorno al target del 2%, quello fissato dalla Federal Reserve. Ecco perché si inizia a parlare di pausa sui tassi dopo l’aumento di dicembre, che sarebbe il quarto per quest’anno. Gli investitori adesso scontano solo un rialzo nel 2019, giù dai 3-4 delle settimane scorse. Anche qui, pressione massima di Trump per ottenere la fine del ciclo monetario restrittivo. Anzi, egli quasi supplica un crollo del petrolio proprio per incrementare la forza negoziale nei confronti del governatore Jerome Powell, il quale ha le mani legate dai dati macro. Senza una significativa riduzione dell’inflazione sotto il target, una pausa sui tassi sarebbe impensabile, considerando che l’economia americana negli ultimi mesi sia cresciuta alla media di circa il 4% e che la disoccupazione negli USA sia diminuita ai minimi da quasi mezzo secolo, pur continuando gli stipendi orari a crescere meno del 3% annuo.

Per concludere, un mercato del petrolio entrato nella fase “bearish” o orso segnala generalmente una contrazione della crescita mondiale. Nel 2008, il tonfo da 140 a 40 dollari in pochi mesi coincise con lo scoppio della crisi finanziaria americana; nel 2014, fu più che altro conseguenza delle valutazioni eccessive a cui si erano portate le quotazioni, ma il fatto è che allora fossero ben sopra i 100 dollari, mentre il mese scorso stavano fino a 86 dollari. Dunque, i consumi non sarebbero capaci di sostenere prezzi del 25% inferiori al picco di 4 anni fa. Causa di un’offerta divenuta ben più abbondante e che supera il passo dell’altro lato del mercato. Ma questo significa che si è generata una terza sovrapproduzione in 10 anni, non certo un buon biglietto da visita per l’economia mondiale dei prossimi mesi, in quanto implica la necessità di ridurre l’offerta mondiale, cioè qualcuno dovrà accontentarsi di produrre meno per tendere all’equilibrio. Trattasi di uno scenario di debolezza, rispetto al quale continuare ad alzare i tassi non sembra una prospettiva così facile.

Il reddito di cittadinanza? Ce lo darà il petrolio a costo zero per lo stato 

[email protected]

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia USA, Fed, Petrolio, Presidenza Trump, quotazioni petrolio, super-dollaro, tassi USA