Ecco con quali soldi Kim Jong-Un finanzia la minaccia nucleare, mentre la Corea del Nord muore di fame

Lanciato in settimana il 14-esimo missile della Corea del Nord, a conferma che Kim Jong-Un non molla la minaccia nucleare contro i vicini

di , pubblicato il
La minaccia nucleare di Kim Jong.Un

La Corea del Nord è senza dubbio lo stato più chiuso al mondo, tanto da essere definita “regno eremita”. A guidarla dal dicembre 2011 è Kim Jong-Un, nipote del Leader Eterno Kim Il-Sung e figlio di Kim Jong-Il. Si tratta di una dittatura comunista di stampo stalinista ereditaria. Insomma, al contempo una monarchia assoluta e un regime totalitario. Dall’inizio dell’anno, Pyongyang ha condotto ben 14 test missilistici, confermandosi una minaccia nucleare per il mondo e, in particolare, per i nemici confinanti della Corea del Sud e il Giappone. Ora che gli occhi del mondo sono tutti concentrati sull’Ucraina, il giovane dittatore si sta dando da fare per mettersi in mostra e cercare di mettere ansia all’America.

Una dittatura mafiosa

Ma questi resoconti para-bellici cozzano con la descrizione dell’economia nordcoreana praticamente alla fame. La crisi alimentare nel paese è diventata così grave che Kim Jong-Un ha disposto l’invio nelle campagne di impiegati e operai per dare una mano ai contadini. La siccità sta devastando i già magri raccolti e di piogge non ne sono attese fino alla prossima settimana. Inoltre, le frontiere con la Cina sono rimaste totalmente chiuse per due anni con la pandemia. E Pyongyang ha quale unico partner commerciale praticamente Pechino.

Come fa un regime così squattrinato a spendere fior di quattrini per portare avanti la sua minaccia nucleare? Quello che molti non sanno è che Kim Jong-Un si trova a capo di una dittatura dalle sembianze mafiose. Il riciclaggio di denaro è forse l’attività principale della Corea del Nord. E le “criptovalute” sono da anni lo strumento preferito per accedere alla valuta estera pregiata: i dollari. Non solo esistono unità governative specializzate nel “mining” di Bitcoin e altri token, chiamate Lazarus Group e APT38.

Esse si rendono spesso protagonisti di operazioni di “hacking” internazionale molto fruttuose.

I furti di Kim Jong-Un per la sua minaccia nucleare

Nel mese di marzo, Sky Mavis è stata la vittima della pirateria informatica nordcoreana. Il suo gioco online Axie Infinity, che emette NFT di animali domestici digitali, ha subito sulla sua blockchain Ethereum-based un maxi-furto di 620 milioni di dollari, il singolo più grande della storia. A perpetrarlo sono stati proprio i due gruppi sopra citati. Un fiume di denaro che è arrivato certamente nelle casse del regime, consentendo a Kim Jong-Un di sopravvivere alla quasi-carestia diffusa nel paese. Peccato che i soldi così rubati siano stati spesi quasi certamente per finanziare le velleità belliche di una dittatura che è sempre più spesso una caricatura di sé stessa.

E mentre i nordcoreani sono costretti a sacrifici impensabili nel resto del pianeta, la crudeltà del regime s’intensifica. A parte la più forte repressione del contrabbando di merci al confine con la Cina, il quotidiano di opposizione all’estero Daily-NK riporta che i militari starebbero ispezionando a campione i telefonini dei ragazzini fermati per strada allo scopo di verificarne le chiamate in entrata e uscita, i messaggi ricevuti e spediti e persino se abbiano scaricato musica o video illegali. Eventuali infrazioni riscontrate possono costare la vita ai malcapitati. Insomma, né “panem” e né “circenses” nel mostruoso regno di Kim Jong-Un.

[email protected] 

 

Argomenti: , ,