eCall obbligatorio sulle auto: ecco cosa cambia dal 31 marzo

Sarà obbligatoria dal 31 marzo la chiamata d'emergenza sulle nuove auto, un'importante svolta per la sicurezza stradale.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Sarà obbligatoria dal 31 marzo la chiamata d'emergenza sulle nuove auto, un'importante svolta per la sicurezza stradale.

La data del 31 marzo segnerà una svolta importante per la chiamata d’emergenza che diventa obbligatoria. In base alla disposizione UE 2015/758 tutte le nuove autovetture omologate dovranno per legge essere equipaggiate con il sistema eCall dell’Unione Europea per le chiamate d’emergenza a partire dalla data suddetta. In 35 paesi europei l’e-call per le emergenze è già disponibile ma non obbligatoria quindi da fine mese sarà avviata un’importante svolta per la sicurezza stradale in quanto i tempi di soccorso si dimezzeranno. Secondo l’Unione Europea, soprattutto nelle città dove il traffico non di rado rallenta l’arrivo dei soccorsi, i tempi si ridurranno del 40% mentre fuori dai centri abitati addirittura potrebbero arrivare al 50%.

Come funziona l’e-call

La chiamata d’emergenza si avvierà in automatico nel caso di incidente, il sistema comporrà direttamente il numero unico 112 appena i sensori di bordo capteranno il sinistro o la difficoltà del guidatore, in caso di malore, e dopo l’attivazione di un pretensionatore delle cinture o degli airbag. In questo modo la centrale europea per le emergenze riceverà la segnalazione con tutte le informazioni relative alla posizione del veicolo e anche il senso di marcia. La stessa chiamata, che ricordiamo può essere attivata manualmente tramite il pulsante presente in molti tipi di autovettura, può fornire al 112 alcune informazioni molto utili come le condizioni del guidatore, il numero di passeggeri e persino il tipo di carburante con cui l’auto è alimentata. Il sistema obbligatorio, in sostanza, avrà il compito di rendere molto più celere l’arrivo dei soccorsi e salvare così un numero impressionante di vittime di incidenti.

MercedesBenz come esempio

MercedesBenz, ad esempio, ha già sottolineato che nei modelli della sua Stella è già presente il sistema per la chiamata e gratuito. Negli Usa il sistema è presente già dal 1998 mentre nel mercato europeo, già nel 2012 la casa tedesca ha avviato il sistema combinato con il Comand Online tramite cellulare mentre dal 2014 è attivo il portale “Mercedes me” integrato per un totale di 3,5 milioni di auto. Il vantaggio, in tal senso è legato alla lingua per i soccorsi che viene impostata dal guidatore e può tornare utile qualora il sinistro avvenga in un paese estero.

Leggi anche: Quanto costa mantenere l’auto: i prezzi e le regioni più care d’Italia

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Europa, Economia Italia