Draghi: Bce pronta a intervenire. “No comment” sulla Spagna

La cronaca minuto per minuto del discorso del presidente della Bce Mario Draghi

di Enzo Lecci, pubblicato il
La cronaca minuto per minuto del discorso del presidente della Bce Mario Draghi

ore 15,45 – Incalzato da alcuni giornalisti sulla posizione della Spagna, Draghi che già durante il suo discorso si era trincerato dietro un “no comment” ha ribadito che deve essere il governo di Madrid a fare la prima mossa. La domanda che Madrid deve farsi, ha detto Draghi, è semplice: la Spagna può farcela da sola? Con il nuovo piano antispread Omt ha ribadito Draghi, la Bce ha fatto quel che poteva essere fatto. L’iniziativa  ora è nelle mani dei governi.   ore 15,40 – Rispondendo a una domanda della stampa, il governatore della Bce Draghi ha affermato che non essendoci target al superamento dei quali è previsto l’intervento della Bce, il parametro di riferimento per l’adozione di simile decisioni è rappresentato da un paniere di indicatori che include, tra gli altri fattori, anche i livelli dei tassi di interesse, la curva dei rendimenti, la volatilità e la liquidità.   ore 15,25 -Non abbiamo alcun target sugli spread ma solo degli indicatori. A confermarlo è stato il numero uno della Bce Draghi.   ore 15,20 – Draghi ha ribadito la piena sintonia tra la Bce e la tedesca Buba. La Bce ha detto Draghi si muove in piena sintonia con la Buba nella sua tradizionale linea in difesa della stabilità dei prezzi.   ore 15,17 – Secondo Draghi il piano Omt è sicuramente positivo e l’annuncio del mese scorso ha contributo ad allentare la tensione. Draghi si è riferito in particolare alla riduzione dei deflussi bancari dall’Italia e ai saldi del sistema Target 2 che si sta stabilizzando. Per Draghi è assolutamente necessario però proseguire sulla strada del risanamento perchè il cammino è ancora molto lungo.   ore 15,10 – Il percorso di riforme avviato dalla Spagna è stato definito da Draghi come incoraggiante.   ore 15,02 – La Spagna ha sicuramente fatto molti progressi ma Madrid ha ancora altrettanti problemi. In questi termini si è espresso poco fa Mario Draghi che ha confermato l’esistenza di un problema “spagnolo” in Europa.   ore 15,00 – La disoccupazione giovanile rappresenta un’enorme spreco di risorse. Secondo Draghi anche le board della Bce è emersa la necessità che l’Europa adotti della soluzioni per questo problema. Nel suo discorso Draghi ha fatto riferimento alla necessità che si giunga a una riforma del mercato del lavoro.   ore 14,51 – “No comment” in questo modo il governatore della Bce Draghi ha risposto ad alcune domande sui rendimenti dei titoli di stato della Spagna. Draghi ha ribadito che il piano antispread è pronto ma i governi e solo loro dovranno chiedere l’intervento della Bce. Il riferimento era chiaramente rivolto a Madrid.   ore 14,45 – La Bce è indipendente e sta agendo all’interno di quello che è il suo mandato. Lo ha ribadito pochi minuti fa Mario Draghi. Il numero uno delle Bce ha anche chiarito che l’obiettivo della Bce è quello di mantenere stabili i prezzi nel medio termine.   ore 14.40 – L’incapacità dell’Europa di riuscire a consolidare la sua economia deriva dalle incertezze sui mercati di alcuni Paesi membri . Lo ha chiarito Draghi, senza fare alcun riferimento a quei paesi maggiormente esposti a questo problema. Draghi ha anche affermato che la ripresa in Europa sarà comunque molto graduale.   ore 14,37– Il piano Omt varato il mese scorso dalla Bce sarà applicato non appena ci saranno le condizioni. Lo ha affermato poco fa il governatore della Bce Draghi.   ore 14,35 – Le prospettive di crescita dell’Europa restano molto contenute anche nel terzo trimestre 2012 mentre l’inflazione dovrebbe mantenersi oltre il 2% per tutto l’anno in corso per poi calare a partire dal 2013.   ore 14.30 – E’ iniziato poco fa il discorso di Draghi in sala stampa. Il presidente della Bce ha ribadito l’irreversibilità dell’euro ed ha affermato che il recente piano varato dalla Bce a difesa dei titoli di stato di quei paesi che facciano opportuna richiesta ha contribuito ad alleggerire le tensione sui mercati.   Dopo la decisione della Bce di mantenere il costo del denaro inalterato allo 0,75% c’è ora attesa sui mercati per il discorso di Draghi. Il consensus raccolto tra gli analisti non sembra lasciare margini a ulteriori decisioni da parte del presidente della Banca Centrale Europea, dopo che appena un mese fa, la stessa banca aveva varato un piano di acquisto “condizionato” dei bond dei paesi in difficoltà. Alcuni analisti ritengono tuttavia che Draghi possa fornire indicazioni sulla posizione della Spagna.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Bce

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.