Discorso Bernanke a Jackson Hole: nessun intervento Fed per ora. Mercati delusi

La cronaca del discorso di Bernanke a Jackson Hole. Il numero uno della Fed non fa riferimento concreto a alcun quantitative easing e si maniene sul vago

di Enzo Lecci, pubblicato il
La cronaca del discorso di Bernanke a Jackson Hole. Il numero uno della Fed non fa riferimento concreto a alcun quantitative easing e si maniene sul vago

Come era nelle previsioni di alcuni analisti, l’atteso discorso del numero uno della Fed Ben Bernanke al summit tra i banchieri centrali in corso di svolgimento a Jackson Hole si è tradotto in un nulla di fatto. Bernanke ha infatti si lasciato aperto la porta a un possibile intervento di alleggerimento monetario da parte della Fed ma non ha indicato, nè tantomeno ha lasciato indizi, su tempi e modalità di tale intervento. La rivendicazione, orgogliosa, dall’operazione di aqcuisto di bond che in passato ha impegnato la Federal Reserve, non è bastato ai mercati. Forse troppo alte erano le attese per un summit che in passato è stato comunque l’occasione per precise indicazioni, poi seguite da fatti, da parte di Bernanke. Le borse hanno subito accusato il colpo con le europee che dopo una mattinata pimpante, e tutta ispirata dalle indiscrezioni sull’intervento del numero uno della Fed, hanno ridotto notevolmente i guadagni con Piazza Affari che prima è sceso a +0,5% per poi riprendersi, in un contesto comunque di alta volatilità. Anche la Borsa di Wall Street ha accusato il colpo con il Dow Jones che è sceso da +0,6% a +0,3%.  

La cronaca dell’intervento di Bernanke

E’ iniziato da pochi minuti l’atteso discorso di Ben Bernanke al consueto summit tra i banchieri centrali che si tiene a Jackson Hole (Usa). Grande assente dell’incontro è il numero uno della Bce Mario Draghi. Ore 16.26 – Il discorso di Bernanke sembrerebbe spostare il suo discorso su altri punti confermando l’impressione che il presidente della Fed non intenda fornire alcun altra delucidazione sull’ipotesi di un intervento in materia monetaria. Nessun allentamento quindi, almeno per ora. Ore 16.20 –  Gli analisti iniziano a commentare il discorso di Bernanke e non vedono alcuna apertura specifica a interventi in materia monetaria da parte della Fed. Ore 16.15 – Riferendosi alla situazione dell’Europa, Bernanke nel suo intervento, ha affermato che di certo i problemi dell’Europa alimentano le incertezze dell’outlook americano. ore 16.10– Bernanke ha aperto il suo intervento sottolineando che la Fed è pronta ad interventi per sostenere l’economia se necessario. Secondo il numero uno della Federal Reserve lo stato di salute dell’economia Usa non è ancora soddisfacente a causa soprattutto dei problemi del mondo del lavoro che, ha affermato Bernanke “e’ un motivo di grande preoccupazione non solo per le enormi sofferenze e lo spreco di talento umano che comporta ma anche perche’ livelli durevolmente alti di disoccupazione arrecano un danno strutturale alla nostra economia che puo’ durare per anni”. Riferendosi poi agli acquisti di bond in passato effettuati dalla Fed, Bernanke ha affermato che essi sono stati positivi, non escludendo che anche in futuro si possa ricorrere a tali strumenti.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Fed

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.