Deflazione italiana legata alla crisi dei consumi: -10% dal 2007

I consumi degli italiani sono crollati negli ultimi anni con la crisi e come effetto hanno contribuito al primo anno di deflazione dal 1959 per la nostra economia.

di , pubblicato il
I consumi degli italiani sono crollati negli ultimi anni con la crisi e come effetto hanno contribuito al primo anno di deflazione dal 1959 per la nostra economia.

Per la prima volta dal 1959, la crescita dei prezzi al consumo nel 2016 è stata negativa rispetto all’anno precedente, segnando un calo dello 0,1%. Nonostante l’accelerazione dell’inflazione negli ultimi mesi dell’anno, passando dal +0,1% di novembre al +0,6% di dicembre, l’Italia registra la sua prima deflazione in quasi sei decenni. Conseguenza senz’altro del crollo dei prezzi energetici, che nella prima parte del 2016 sono arrivati a scendere ai minimi degli ultimi 13 anni, ma dietro ai prezzi “gelidi” degli ultimi tempi (variazione nulla nel 2014 e di appena il +0,1% nel 2015) si nasconde una crisi dei consumi delle famiglie, che viene ben sintetizzata dai dati ufficiali dell’Istat.

Nel 2007, ultimo anno prima della crisi, ciascuna famiglia italiana spendeva mediamente 2.480 euro al mese. Nel 2015, la cifra saliva di pochissimo, ovvero a quasi 2.500 euro mensili. In attesa del dato ufficiale sul 2016, ma in previsione di un aumento dei consumi nell’ordine dell’1%, potremmo stimare in 2.525-2.530 euro al mese la spesa di un nucleo familiare nell’anno appena trascorso, cosa che si tradurrebbe in una crescita dell’1,8% rispetto ai livelli di 9 anni prima. (Leggi anche: Risparmi famiglie ai massimi dal 2010, consumi fermi)

Consumi reali delle famiglie caduti del 10% dal 2007

Ora, per quanto pochissimo, si tratterebbe sempre di un aumento, senonché nello stesso arco di tempo si è registrata un’inflazione cumulata superiore al 12%, pari a un tasso di crescita annuo dei prezzi dell’1,3%. In termini reali, quindi, è come se i consumi degli italiani si fossero ridotti di oltre il 10%. Parliamo di una somma pari a circa 80 miliardi, che Codacons valuta in -3.300 euro all’anno per ciascuna famiglia.

Parliamo di un valore, che corrispondente a circa il 60% del tracollo del pil reale accusato dalla nostra economia nello stesso arco di tempo.

Non è un caso, che si tratti anche della stessa percentuale a cui si attestano i consumi delle famiglie rispetto al pil. I numeri quadrano: la deflazione è il prodotto di un mix tra bassi prezzi energetici e crisi dei consumi. (Leggi anche: Consumi famiglie, meno alimentari e più spese obbligate)

 

 

 

 

Ripresa prosegue al rallentatore

Le prospettive sono positive per l’anno in corso, ma l’ultimo rapporto Coop vede una crescita di appena lo 0,7%, in rallentamento da oltre il +1% medio del biennio 2015-2016. A questi ritmi dovremmo attendere il 2030, prima di tornare ai livelli di spesa di ormai un decennio or sono. E anche queste cifre coincidono drammaticamente con il timore paventato dal Fondo Monetario Internazionale di un ritorno ai livelli di ricchezza pre-crisi per l’Italia solo tra circa un decennio. (Leggi anche: Consumi petroliferi a picco con la crisi)

 

Argomenti: ,