Deficit/pil migliora al 5,6% nel primo trimestre, pressione fiscale inalterata

In calo al 5,6% il rapporto tra deficit e pil in Italia nel primo trimestre del 2015, secondo l'Istat. La pressione fiscale rimane invariata su base annua.

di , pubblicato il
In calo al 5,6% il rapporto tra deficit e pil in Italia nel primo trimestre del 2015, secondo l'Istat. La pressione fiscale rimane invariata su base annua.

Nel primo trimestre del 2015, il rapporto tra deficit e pil in Italia è stato del 5,6%, in calo dal 6% dello stesso periodo dell’anno precedente. Lo rende noto l’Istat, secondo cui il saldo primario (indebitamento al netto degli interessi sul debito pubblico) si sarebbe attestato a -7,192 miliardi, pari al -1,8% del pil dal -1,7% del primo trimestre del 2014. Le entrate totali nei primi 3 mesi dell’anno sono cresciute dello 0,3% su base annua, di cui lo 0,2% è dovuto alla crescita delle entrate correnti. La pressione fiscale si è così attestata al 38,7% del pil, invariata rispetto al primo trimestre dello scorso anno. Le uscite totali, invece, sono diminuite su base annua dello 0,7%, passando dal 49% al 48,5% del pil. Di queste, le spese correnti sono diminuite dello 0,3%, quelle in conto capitale del 7,4%.   APPROFONDISCI – Def, la UE avverte l’Italia: il rimborso delle pensioni non gravi sul deficit, rispettare i vincoli  

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: