Decreto dignità, bonus assunzioni under 35 fino al 2020: la mossa a sorpresa di Di Maio

Viene ipotizzato un possibile sgravio anche per chi ha superato già i 35 anni.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Viene ipotizzato un possibile sgravio anche per chi ha superato già i 35 anni.

Il decreto dignità continua la propria marcia verso il voto finale in Parlamento. Nelle ultime ore si parla diffusamente della proroga del bonus assunzioni, novità introdotta attraverso un emendamento approvato dalla commissione Lavoro e Finanza alla Camera dei Deputati. Si tratta di un passaggio importante, in quanto non si tratta di una semplice proroga del bonus assunzioni voluto dal governo precedente (Gentiloni, Pd), come evidenziato dagli addetti ai lavori. Secondo la relazione tecnica, la misura dovrebbe favorire una maggiore occupazione, allontanando di fatto lo spettro del saldo negativo di qualche giorno fa.

Il nuovo bonus assunzioni

L’emendamento del bonus assunzioni under 35 si presenta ad una veloce lettura come una semplice proroga della misura promossa dall’esecutivo Gentiloni nel recente passato. In realtà, esistono delle differenze sostanziali. Il nuovo bonus prevede la proroga dell’incentivo per le assunzioni degli under 35 sia per il 2019 sia per il 2020. Il provvedimento del precedente governo a maggioranza Pd, invece, assicurava il bonus assunzione agli under 35 soltanto fino al 31 dicembre 2018. La percentuale dello sgravio relativo ai contributi previdenziali a carico delle imprese è pari al 50 per cento per i prossimi 36 mesi.

Inoltre, viene ipotizzato un possibile sgravio (identico nella forma) anche per chi ha superato già i 35 anni, a patto che abbiano un rapporto di lavoro disciplinato da un contratto a termine rinnovato.

Si attende il 2 agosto per la votazione finale

Le assunzioni previste nel prossimo biennio sono quantificate in un numero pari a 62 mila unità, cifra indicata nella relazione tecnica che ha accompagnato il testo del decreto a seguito degli emendamenti approvati dalle due commissioni della Camera. Il numero fa riferimento ai soli giovani che possono usufruire dello sgravio e non all’intera platea dei possibili beneficiari del decreto dignità.

La votazione finale a Montecitorio del testo è attesa per il prossimo 2 agosto, anche se molto dipenderà dai tempi di discussione del decreto nelle prossime 24-36 ore.

Leggi anche: Decreto dignità, l’ultima idea di Di Maio: fondi Naspi per incentivare i contratti a tempo indeterminato

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Italia, Politica, Politica italiana

I commenti sono chiusi.