Davvero l’Europa condonerà l’IVA a Salvini dopo le elezioni di maggio? Forse, ma a un patto

L'aumento dell'IVA può ancora essere scongiurato dopo le elezioni europee di maggio, come sostiene Matteo Salvini, ma dietro uno scambio che riguarda il governo Conte.

di , pubblicato il
L'aumento dell'IVA può ancora essere scongiurato dopo le elezioni europee di maggio, come sostiene Matteo Salvini, ma dietro uno scambio che riguarda il governo Conte.

Le elezioni europee potrebbero non essere quello spartiacque politico a Bruxelles e Strasburgo che immaginiamo. Per quanto forte sarà l’ascesa delle formazioni sovraniste, queste non scalfiranno con ogni probabilità la maggioranza numerica in mano alle forze europeiste, che va oltre l’attuale asse tra popolari e socialisti, includendo anche i liberali dell’Alde, i Verdi e la sinistra più radicale, per intenderci quella che si rifà a Tsipras.

E le divisioni tra gli euro-scettici faranno il resto. Anche se Matteo Salvini avesse ragione a preconizzare la fine degli attuali equilibri europei e la nascita di un nuovo corso, nulla ci assicura che per l’Italia vi sarebbe una strada più agevole da percorrere. La destra sovranista è essenzialmente più ostile alla flessibilità fiscale di quanto non lo siano gli schieramenti tradizionali. Chiedete all’AfD in Germania o al Partito dei Finlandesi, da sempre in trincea per evitare aiuti al Sud Europa, tacciato di sprechi e lassismo nella gestione dei conti pubblici.

L’Italia s’è destra! Arma scarica di Di Maio contro Salvini

Questo non significa che Salvini non abbia ragione nell’immaginare risvolti potenzialmente favorevoli a Roma. Se riuscisse a fare parte della maggioranza parlamentare a Strasburgo, le sue istanze verrebbero certamente tenute in considerazione più di oggi, il ché non significa che l’Italia potrà chiedere la luna e sperare di ottenerla. Tuttavia, la maxi-richiesta di 23 miliardi di euro di tagli alla spesa pubblica e/o di aumenti delle entrate, garantita dalle clausole di salvaguardia sull’IVA, potrebbe sgonfiarsi. Così come accaduto negli anni passati, quando al governo c’era il PD, all’Italia sarebbe concesso più tempo per tendere al pareggio di bilancio, in cambio di riforme economiche.

Lo scambio tra Salvini e l’Europa

Fin qui, niente che suoni come mostruosamente innovativo. Invece, Salvini sa che i suoi possibili partner del PPE gli chiederanno quasi certamente, in cambio di un atteggiamento collaborativo di Bruxelles, di rompere con il Movimento 5 Stelle. I grillini vengono percepiti politicamente erratici, imprevedibili e indecifrabili e, soprattutto, incompatibili con la permanenza dell’Italia nell’Eurozona, a causa della loro visione economica del tutto sconnessa con quella delle altre grandi realtà avanzate del mondo.

La legge di Stabilità per il 2019 avrebbe confermato i sospetti e i timori dell’establishment europeo, tra misure di spesa assistenziale non accompagnate da altre pro-crescita e irrigidimento del mercato del lavoro, nonché il blocco dei cantieri pubblici, tra cui quelli per la TAV.

Nessuna concessione verrebbe elargita al leader leghista in assenza di un impegno credibile sulle riforme. E nessuna riforma credibilmente potrà mai essere varata in Italia fino a quando l’M5S resterà al governo. Prima la Lega se ne separerà, meglio sarà per l’attuale e la prossima Commissione UE. L’auspicio dei popolari, in particolare, sarebbe che Salvini diventasse anche capo del governo, ma con alleati più presentabili e affidabili, come Forza Italia di Silvio Berlusconi. Quest’ultimo punto non coincide con i piani del ministro dell’Interno, il quale perlomeno assicurerebbe ai commissari la fine dell’esperienza del governo Conte, dietro rassicurazioni sull’atteggiamento di Bruxelles verso Roma. E, comunque andasse, per l’Europa un populismo sarebbe sempre meglio di due. La lista della spesa sarebbe più corta, la politica economica più coerente e la linea dell’esecutivo più chiara anche in politica estera.

Dopo le elezioni europee sarà crisi di governo, ecco numeri e strategie

[email protected] 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , , , , ,