Dalle visite a Pasqua, spostamenti e seconde case, cosa si potrà fare fino al 30 aprile

Che cosa si potrà fare fino al 30 aprile, le regole relative a spostamenti e seconde case.

di , pubblicato il
Decreto Draghi spostamenti 30 aprile

Seconde case, visite a Pasqua e spostamenti. Che cosa si potrà fare fino al 30 aprile con il nuovo decreto Draghi?

Da oggi, 29 marzo, e fino fino a venerdì 2 aprile, l’Italia rispetterà ancora le regole in base ai colori regionali. Toscana, Calabria e Valle D’Aosta saranno in zona rossa dal 30 marzo mentre il Lazio è passato in zona arancione. Da sabato 3 al lunedì 5 aprile, invece, tutta l’Italia sarà in lockdown in base al Dpcm modificato lo scorso 16 marzo, che impone una rossa nazionale in vista delle vacanze di Pasqua. Dal 6 aprile entreranno in vigore le regole del nuovo Dpcm, che al momento sembra propendere per l’abolizione della zona gialla per tutto il mese.

Che cosa si potrà fare dal 29 marzo al 2 aprile

Fino a venerdì 2 aprile, le regioni che si trovano in zona rossa, quindi Valle D’Aosta, Piemonte, Lombardia, Veneto, Provincia di Trento, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Marche, Toscana, Puglia, Campania e Calabria, dovranno continuare a seguire le regole di questa fascia, quindi divieto di spostamento dalla propria abitazione se non per motivi di lavoro, salute, necessità, divieto di andare a trovare i parenti e possibilità di raggiungere le seconde case solo se in possesso del titolo.

Le regioni in fascia arancione, quindi Liguria, Provincia di Bolzano, Umbria, Abruzzo, Molise, Lazio, Basilicata, Sicilia e Sardegna, dovranno in egual modo seguire le regole previste che vietano di uscire dal proprio Comune.
In merito alle seconde case alcune regioni hanno deciso di impedire il raggiungimento delle stesse ai non residenti. In Alto Adige non è possibile raggiungerle così come in Valle D’Aosta, Toscana e Sardegna se non si è residenti.

In Campania e Puglia il divieto vale per i residenti mentre in Sicilia è necessario esibire un tampone negativo fatto 48 ore prima.

Dal 3 al 5 aprile

Durante queste tre giornate, tutta l’Italia sarà in zona rossa. Nessuno potrà lasciare la propria abitazione se non per motivi di lavoro, salute, urgenza. Sarà possibile andare a trovare i parenti una volta al giorno, massimo due adulti, esclusi i minori di 14 anni e disabili. Sarà possibile raggiungere le seconde case escluso in quelle regioni che lo vietano come indicato sopra.

Dal 6 o 7 aprile e fino al 30 aprile

Entro il 7 aprile uscirà il nuovo Dpcm con le regole valide per tutto il mese. Rimarrà il sistema a fasce ma almeno fino alla metà di aprile sarà abolita la zona gialla, tutte le regioni saranno solo rosse o arancioni e dovranno quindi seguire queste regole.

Sarà ancora vietato spostarsi tra Regioni ma sarà consentito raggiungere le seconde case laddove è permesso. Probabilmente gli studenti fino alla prima media torneranno in presenza in zona rossa e fino alla terza media in zona arancione.

Vedi anche: Nuovo Dpcm 7 aprile: zona gialla rafforzata e ancora chiusure per tutto il mese

[email protected]

 

Argomenti: ,