Crozza imita Renzi e sull’ISIS: noi unici sicuri col premier che tagga i terroristi

La copertina di Maurizio Crozza di ieri alla puntata di "DiMartedì". Imperdibile l'imitazione del premier Matteo Renzi in versione anti-terrorismo.

di Giuseppe Timpone, pubblicato il
La copertina di Maurizio Crozza di ieri alla puntata di

La puntata di ieri di “DiMartedì” di Giovanni Floris su La7 si è aperta, come ogni settimana, con l’esilarante copertina del comico Maurizio Crozza, dedicata stavolta sulla lotta al terrorismo. Crozza inizia con l’imitazione di Edward Luttwak. Nei panni del politologo americano in collegamento con lo studio, spiega che l'”Europa è in un mare di merda”, perché la Turchia è nella NATO ed avendo abbattuto un caccia russo, la Francia dovrebbe solidarizzare con l’alleato di Ankara, mentre è alleata della Russia. Breve imitazione anche del presidente Sergio Mattarella, ancora una volta dipinto come un capo dello stato taciturno e rintanato al Quirinale. Ma è quando entra nel cuore del tema terrorismo che la copertina entra nel vivo. Crozza spiega che c’è ormai psicosi, tanto che in metropolitana la gente si guarda in cagnesco, “come in un film di Clint Eastwood” e si forma un vuoto attorno a chi porta la barba, tanto che per dimostrare le loro radici cristiane, alcuni sfoggiano un’immagine di Padre Pio. Peccato, aggiunge, che avendo anch’egli la barba, la paura non cessa ugualmente. Infine, l’imitazione del premier Matteo Renzi. Qui, Crozza da il massimo della striscia iniziale della trasmissione, spiegando come noi italiani saremmo gli unici sicuri dinnanzi al terrorismo, avendo come premier uno che “vuole taggare” i terroristi. Crozza-Renzi spiega la strategia “social” per battere l’ISIS: bisogna disertare gli eventi da loro organizzati, taggare solamente le foto in cui vengono con gli occhi rossi, convincerli che stiamo rispondendo alle loro chat, mentre invece non clicchiamo mai “Invio” e li lasciamo attendere all’infinito, mentre osservano “sta scrivendo”. Infine, una chicca sul premier, che vorrebbe dare ai giovani 500 euro a testa da spendere per il cinema. Come potremmo chiamarla, si chiede il comico genovese? “La famosa “Mancia su Roma”. Di seguito, il link al video della copertina di Maurizio Crozza a “DiMartedì” della puntata del 24 novembre 2015: https://www.youtube.com/watch?v=urvb3df9XWY&feature=youtu.be          

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Famiglie