Crollo dell’economia e futuro incerto: la fotografia del Censis sugli italiani

L'indagine del Censis "Cosa sognano gli italiani" fotografa una situazione di profonda incertezza.

di , pubblicato il
L'indagine del Censis

Per gli italiani il peggio deve ancora arrivare, sicurezza ed economia crollano così come la fiducia nella politica. E’ il risultato della ricerca ‘Cosa sognano gli italiani’ del Censis in collaborazione con Conad elaborata nell’ambito del progetto “Il nuovo immaginario collettivo degli italiani’.

Economia al palo

Per gli italiani il presente è incerto ma anche il futuro non sembra promettere nulla di buono. Nonostante la sfiducia nell’economia, infatti, così come nella politica, per gli italiani almeno l’euro non si deve toccare. In base alla ricerca, per il 55,4% degli italiani la situazione economica del nostro paese è peggiorata così come è peggiorato l’ordine pubblico. Gli italiani temono di rimanere vittime di reati. Sicurezza e situazione economica, insomma, preoccupa non poco gli italiani.

Parlando in percentuali, nell’ultimo anno per gli italiani è aumentata l’insoddisfazione economica per il 50,9%, la paura di subire reati per il 35,6%, l’intolleranza verso gli immigrati per il 70% così come la sensazione che questi siano troppi nel nostro paese. Cala anche la fiducia nella politica, a resistere sono soltanto il Presidente della Repubblica, il Papa,  i vertici delle forze dell’ordine e i gli scienziati.

L’euro non si tocca

L’unica certezza è che gli italiani non hanno intenzione di rinunciare all’euro e non sembrano intenzionati a tornare alla lira. Solo gli italiani che hanno redditi più bassi penserebbero al ritorno alla lira. Da un lato ci sono infatti quelli che possono contare su una situazione economica soddisfacente dall’altro chi invece fatica ad arrivare a fine mese e incolpa anche l’Unione Europea.

Dalla ricerca del Censis è poi emerso che gli italiani vorrebbero che ci fossero più uguaglianza e una distribuzione equa delle risorse, senza dimenticare il merito per chi è più bravo e il welfare e protezione sociale.

Si sogna anche meno rancore verso gli altri e un salario minimo per legge. I sogni degli italiani, in sostanza, appaiono piuttosto semplici: serenità e ottenere il giusto riconoscimento economico.

“Mentre tutto il dibattito pubblico si arrovella sulle piccole variazioni da zero virgola al rialzo o al ribasso del Pil, rischiamo di sottovalutare quanto sia importante poter contare su un immaginario collettivo ricco e vitale, positivo e propulsivo, come ingrediente indispensabile dello sviluppo” ha chiarito Massimiliano Valerii, direttore generale del Censis. Una fotografia non del tutto rosea.

Leggi anche: Lavoro e welfare aziendale: stipendi più bassi e si lavora di più, la fotografia del Censis

 

Argomenti: ,