Crisi Spagna: necessari oltre 60 mld di euro per salvare le banche

La Spagna per salvare le proprie banche dovrebbe chiedere ai paesi partner europei tra i 60 e i 65 miliardi di euro

di Redazione InvestireOggi, pubblicato il

La Spagna per salvare le proprie banche dovrebbe chiedere ai paesi partner europei tra i 60 e i 65 miliardi di euro. Ciò è quanto scrive il quotidiano spagnolo “Abc”, dopo aver consultato la relazione preliminare di due società di revisione dei conti: Oliver Wyman e Roland Berger. L’importo, di cui è già a conoscenza il ministro dell’Economia, Luis de Guindos, è di 60 miliardi di euro ma, secondo il giornale, questa somma “potrebbe salire fino a 65 miliardi in funzione al comportamento di ciascun istituto e a uno scenario piu’ o meno difficile”. L’articolo del quotidiano locale fornisce dettagli sugli importi che potranno essere assegnati a ciascuna delle banche che si trovano in difficoltà a causa dell’eccessiva esposizione verso il settore immobiliare. Secondo tale importo Bankia, la cui nazionalizzazione avvenuta a maggio ha accelerato il piano degli aiuti europei per tutto il settore, riceverà 19 miliardi di euro. Due altri istituti controllati dallo Stato, Novagalicia e CatalunyaCaixa, riceveranno ciascuno 10 miliardi. Infine, 20 miliardi di euro saranno destinati ad altre banche e casse. Il quotidiano precis anche che le principali banche del Paese – quali Santander, Bbva, CaixaBank, Bankinter e KutxaBank – non hanno necessità di ricevere fondi europei. Il Banco Popular, quarto in termini di capitalizzazione, da parte sua ha già detto di non avere alcun bisogno di aiuti pubblici. I rapporti stilati dagli esperti di Oliver Wyman e Roland Berger saranno presentati il prossimo 21 giugno.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economie Europa

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.