Crisi Spagna: la Catalogna non ha fondi per gli ospedali

La Catalogna blocca fino a settembre le sovvenzioni per molti importanti servizi a favore delle fasce deboli: 100mila operatori senza stipendio

di Enzo Lecci, pubblicato il
La Catalogna blocca fino a settembre le sovvenzioni per molti importanti servizi a favore delle fasce deboli: 100mila operatori senza stipendio

La crisi economica e il disagio sociale vanno sempre più spesso di pari passo e la scarsità di fondi nelle casse degli stati e degli enti pubblici significa la drastica riduzione dei servizi pubblici a favore del cittadino. E’ proprio questo che sta avvenendo in Spagna. Madrid è da alcune settimane la nuova porta molle d’Europa con il governo costretto a chiedere l’intervento europeo per salvare le banche iberiche, in cambio dell’adozione di misure rigidissime per la riduzione del deficit.  

Aiuti alla Spagna sempre più inevitabili

I problemi dell’economia spagnola sono essenzialmente due: la scoppio della bolla immobiliare, da un lato, e l’enorme buco delle regioni dall’altro. Secondo alcuni analisti proprio le difficoltà finanziarie delle regioni potrebbero costringere una Madrid dissanguata a chiedere un piano di aiuti all’Europa. Non è un mistero infatti che molte regioni spagnole come la ricca Catalogna abbiano già chiesto l’aiuto del governo spagnolo che ha messo a disposizione un fondo a favore delle regioni in cambio di precisi impegni sul fronte dell’austerità (Crisi Spagna: la Catalogna chiederà aiuto a Madrid).  

Aiuti alla Catalogna: la ricca regione è senza soldi per gli ospedali

Ma fino a quando il fondo statale potrà essere sufficiente a evitare la richiesta di aiuto all’Europa? Mentre i mercati si interrogano su questa questione, dalla Catalogna giungono notizie sempre più drammatiche. Il governo della Regione ha infatti annunciato che per ragioni di liquidità non sarà in grado di versare le sovvenzioni a ospedali e strutture per anziani, perlomeno fino a settembre. Secondo il quotidiano El Pais la somma che non sarà erogata sarà pari a 400 mln di euro e questo potrà solo significare gravi carenze di servizio per ospedali, centri per portatori di handicap, residenze per anziani e centri di accoglienza per minori. Oltre 100mila operatori del settore resteranno senza stipendio.  

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Crisi Spagna

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.