La crisi energetica è arrivata alla pompa di benzina: metano a 2 euro, automobilisti in panne

Anche la benzina grava sulle tasche delle famiglie. Automobilisti allarmati dal boom dei prezzi. La crisi energetica morde.

di , pubblicato il
Prezzi della benzina alle stelle

Ogni giorno di più, questa crisi energetica che sta riguardando l’Europa assume connotati sempre più severi. Non bastava il rincaro delle bollette di luce e gas. In queste settimane, gli automobilisti italiani sono anche alle prese con i prezzi della benzina ai massimi da anni e, in alcuni casi, a livelli record. In media, un litro della verde è salito a 1,68 euro. Nel quarto trimestre dello scorso anno, si era attestato a 1,40 euro. Il rialzo è stato su base annuale di circa il 20%. Stesso discorso per la diesel, passata da 1,27 a 1,52 euro. Anche in questo caso, il costo alla pompa è esploso del 20%.

E i carburanti sinora considerati più economici? Ebbene, il GPL è passato da 60 a 71 centesimi al litro, segnando una crescita anch’essa in area 20% su base tendenziale. Clamoroso si sta rivelando, invece, il boom del metano. Un anno fa, lo si acquistava a 98 centesimi al kg e ancora nel luglio scorso viaggiava a 1 euro al kg. Invece, in questi ultimissimi giorni il prezzo medio si è avvicinato a 1,30 euro, ma con Tamoil a praticare 1,68. In alcune stazioni di servizio nel centro-nord, addirittura, si superano i 2 euro. Non era mai successo prima. Questi numeri rendono oramai il metano il carburante più costoso in alcune realtà d’Italia.

Benzina alle stelle, c’è la crisi energetica

Cosa sta succedendo? I prezzi energetici stanno esplodendo sui mercati internazionali. Il petrolio ha toccato gli 80 dollari al barile con il Brent, salendo di quasi il 60% quest’anno e ai massimi dall’autunno del 2018. Peggio ha fatto il gas naturale, che registra un +130% in appena sei mesi. Dunque, la materia prima costa di più e stanno rincarando sia il carburante, sia le bollette di casa, sia ancora i prodotti trasportati su gomma.

Se a settembre l’inflazione italiana è volata al 2,6%, è facile prevedere che a ottobre accelererà il passo. Lo stesso dicasi per il resto dell’Eurozona, dove si andrà verosimilmente oltre il +3,4% del mese scorso.

Questa crisi energetica rischia di fermare la ripresa economica. Se le famiglie accuseranno forti rincari, probabilmente ridurranno i consumi o li aumenteranno meno di quanto avrebbero fatto con prezzi stabili. Gli automobilisti, ad esempio, potrebbero decidere di concentrare gli spostamenti per lo stretto necessario, in primis per andare a lavorare. E l’inverno deve ancora arrivare. La stagione rischia di portare novità ancora più negative per la generalità dei consumatori, man mano che la domanda di greggio e gas salirà per fronteggiare le basse temperature.

[email protected] 

Argomenti: ,